No alle aree contigue del Parco Nazionale, l’ennesimo sgambetto al futuro del Gargano

A 21 anni dall’istituzione del Parco Nazionale del Gargano e a 17 dalla nascita dell’ente che lo gestisce ancora non abbiamo un piano del parco ovvero lo strumento principale che un parco ha a disposizione per la gestione del territorio. Venerdì mattina il piano ha superato l’esame della comunità del parco, ovvero dei sindaci dei comuni del Gargano; questo solo dopo che è stato eliminata dal documento la sezione relativa alle aree contigue, cioè delle fasce intorno all’area parco che fungono da cuscinetto per l’area protetta L’eliminazione delle aree contigue dal Piano del Parco è una grande sconfitta per il Parco Nazionale, l’ultima di una lunga serie che vede questo territorio in mano ad amministratori scellerati ed irresponsabili nella grande maggioranza dei casi. Adesso tocca alla Regione Puglia dire la sua. Ad maiora!..come no….. AGGIORNAMENTO 29 OTTOBRE: BRACCONIERI FERMATI NELL’AREA PARCO Solo per capire qualcosa di più sulle aree contigue citiamo qualche articolo di legge: L’articolo 32, Aree contigue, della legge quadro sulle Aree Protette 394/91 recita: «1. Le regioni, d’intesa con gli organismi di gestione delle aree naturali protette e con gli enti locali interessati, stabiliscono piani e programmi e le eventuali misure di disciplina della caccia, della pesca,

Leggi tutto »

Scoperta grotta con due laghi vicino Castellana

Anche in Puglia abbiamo un fiume sotterraneo visibile (sul Gargano basta pensare a ciò che si trova o potrebbe trovare sotto  Campolato e il pantano di Sant’Egidio a San Giovanni Rotondo..e chissà cos’altro) Hanno cominciato a scavare a mani nude, quasi per gioco, in una piccola crepa nella terra. Nessuno di loro avrebbe mai immaginato che proprio lì, lungo il canale di Pirro, tra Alberobello e Monopoli, potesse nascondersi la prima grotta carsica attiva della Puglia, l’unica in cui scorre costantemente un fiume d’acqua che, su salti verticali alti più di 150 metri, dà vita a suggestive formazioni calcaree e rocciose. Leggi tutto qui  Fotogallery   Ringraziamo Nazario Cruciano per la segnalazione AGGIORNAMENTO DESCRIZIONE DETTAGLIATA GROTTA QUI

Leggi tutto »

Il Team Archeo-Speleologico ARGOD alla BitRel il 27 ottobre

Ovviamente ci saremo anche noi dato che facciamo parte del Team Argod con preghiera di diffusione Sabato 27 ottobre alle ore 17.00 il gruppo Argod sarà presente alla BITREL, la Borsa Internazionale del Turismo Religioso, dei Pellegrinaggi e dei Cammini, con la presentazione sul “Gargano segreto”. Sarà un excursus sulle risorse culturali del Gargano legate al tema religioso e lontane dalle mete del turismo di massa come San Giovanni Rotondo e Monte Sant’Angelo. Si partirà dagli eremi della Valle di Stignano per arrivare agli “itinerari dei simboli sacri” del Medioevo passando per la Chiesa Romanica di Santa Maria di Monte Devio. La Borsa del Turismo è una delle più produttive del panorama nazionale, ma soprattutto rappresenta un’occasione unica ed esclusiva per quanti cercano sul mercato turistico concreti momenti di promozione e collaborazione commerciale per il prodotto “turismo religioso”. www.argod.it

Leggi tutto »

Il Gargano è la seconda meraviglia rurale d’Italia!

Il Gargano è secondo. Chissà se lo sanno i nostri amministratori, che piangono nostalgici il turismo venatorio, che agognano parchi eolici per rimpinguare le casse comunali, edilizia libera, il tutto condito da una sana e giusta deregulation… da Agi.it L’altopiano dello Sciliar, il promontorio del Gargano, il Vulcano di Stromboli, l’Aspromonte, il lago Blu, il lago di Garda ed il monti dell’Uccellina sono, nell’ordine, le 7 Meraviglie Rurali d’Italia 2012 secondo i risultati del sondaggio online lanciato da Toprural, il primo motore di ricerca in Europa per agriturismi e strutture rurali. La meraviglia rurale piu’ votata e’ stata l’altopiano dello Sciliar, all’interno dell’omonimo parco naturale in provincia di Bolzano, con il 12,9% delle preferenze. Il promontorio del Gargano, area naturale in provincia di Foggia protetta sin dal 1991, “lo Sperone d’Italia”, si e’ classificato in seconda posizione con il 10% delle preferenze, seguito dal vulcano di Stromboli con l’8,2%. Altre info qui

Leggi tutto »

“Chi offende la natura offende Dio”, intervista ad un pescatore del Lago di Varano

di Leonarda Crisetti Ero un bambino come tutti gli altri, ma ho capito da subito che il frutto del fico più secca, più si fa dolce, come l’uomo invecchia e diventa più maturo.” “Il problema è che il lago è uno e i comandanti sono due, anzi, tre, mentre ci vuole una sola amministrazione,  … . “Vuoi salvare il lago? Devi portare la draga nel canale.” Nel mondo della globalizzazione, del consumismo e della fretta, bisognerebbe recuperare “ il filo della ricerca che conduce al vero mondo, alla Natura , a Dio, che  suggerisce di non danneggiare nessuno, né uomo, né qualsiasi altro essere vivente”. Lo dice  Salvatore Saggese, ex pescatore ottantacinquenne, nativo di Cagnano Varano, che da oltre cinquant’anni vive nella sua “torre” situata  lungo la riva settentrionale della laguna, quasi a confine tra il territorio di Cagnano e quello di Ischitella. Uno spazio di circa 16 metri quadri, pieno di umidità – mi confessa-  confortato d’inverno  solo dalla fiamma del camino, da che sua moglie non è più tra i vivi. Continua qui NEW!! IL VIDEO DOCUMENTARIO

Leggi tutto »

VIDEO – Tribunale di Lucera: il servizio di TV7 sulla soppressione

TV7, la trasmissione RAI di approfondimento del TG1, nella puntata del 19 Settembre 2012 si occupa della soppressione del Tribunale di Lucera (FG) e delle sedi distaccate di Rodi Garganico ed Apricena. Lucera, la città pugliese in rivolta contro la chiusura del Tribunale, terra di mafia alle prese con i tagli a giustizia e sanità. Protestano i cittadini che hanno riconsegnato alle autorità le schede elettorali, mentre 20 sindaci della zona hanno restituito la fascia tricolore

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.