REFERENDUM 17 APRILE #NOTRIV per un futuro sostenibile, PERCHÉ’ VOTARE SI ?

Il 17 Aprile saremo chiamati a disegnare una X su un foglio di carta con la speranza di cambiare le sorti del nostro Paese. Ma ricordiamoci che ogni giorno siamo chiamati ad essere responsabili delle nostre azioni, anche con altrettanti piccoli gesti, per tutelare e conservare le risorse inestimabili che il Pianeta che ci ospita ci offre quotidianamente per vivere. Sono le scelte e i gesti quotidiani che cambiano realmente le sorti del Pianeta! _______ 6 PUNTI PER FARE CHIAREZZA SUL REFERENDUM DEL 17 APRILE 2016. Un cittadino informato è un cittadino responsabile per il proprio futuro. Invitiamo ad impiegare 5 minuti del proprio tempo per leggere con attenzione quanto segue. 1) Perché un REFERENDUM? La Costituzione Italiana prevede, tra le varie opzioni, che un Referendum possa essere indetto su richiesta di almeno 5 Consigli Regionali. Per la prima volta nella storia del nostro Paese questa possibilità è stata messa in atto. Infatti 9 Regioni italiane, sostenute da esperti del tema, hanno avanzato la richiesta: Basilicata (capofila), Marche, Puglia, Sardegna, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise. La decima Regione, l’Abruzzo, si è tirata indietro. I quesiti referendari proposti erano 6 al principio, alcuni sono stati già soddisfatti altri meno. Il Referendum del 17 Aprile 2016 si esprime in merito ad 1 di questi quesiti presentati. 2) Che significa ABROGATIVO? Significa che la consultazione popolare si esprimerà per annullare (votando SÌ) o mantenere così com’è (votando NO) la normativa (comma 17 dell’articolo 6 del decreto legislativo 152 del 2006, il cosiddetto Codice dell’Ambiente). Vince il SÌ se avranno partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi (quorum). Se non si raggiunge il quorum è come se vincesse il NO, resta tutto uguale. 3) Cosa ci chiede il QUESITO? Il quesito referendario

Leggi tutto »

Storia di un epigrafe marmorea in viaggio tra il Gargano e Cava de’ Tirreni

All’ingresso del Palazzo Vescovile di Cava de’ Tirreni è situata questa epigrafe in marmo con un’iscrizione in lingua latina. Nulla di particolare se non fosse che la provenienza è la Chiesa di San Pascasio, un tempo situata a Monte Sant’Angelo (qualcuno sa dove?). La prima testimonianza dell’esistenza dell’epigrafe è un’agiografia, composta non prima del XII sec., che fissa l’esperienza del santo abate e la sua morte nei pressi del Monte Gargano; in essa è infatti riportata una versione dell’epitaffio ‘più lunga’, che probabilmente l’agiografo costruì proprio partendo dal testo dell’iscrizione. È possibile poi che la lastra si trovasse in una chiesa dedicata proprio a S. Pascasio, da situare nelle prossimità di Monte Sant’Angelo; donata nel 1086 alla chiesa di S.Egidio di Pantano, sita in San Giovanni Rotondo e dipendente a sua volta dall’abbazia cavense, scompare completamente dalla documentazione poco dopo, forse per abbandono. La permanenza di San Pascasio a Monte Sant’Angelo è  attestata ne “Il regno di Napoli diviso in dodici provincie”, di Enrico Bacco, scritto nella seconda metà del ‘600 In questo modo possono comprendersi forse anche le vie che portarono il marmo nella cittadina campana. La lastra fu infine ‘riscoperta’ a Cava de’ Tirreni nel 1646 , come dichiara una lapide posta a memoria l’anno seguente. Il testo si trovava inquadrato tra due candelabri, di cui resta ora solo un estremo lembo del sinistro ancora visibili negli anni ’60 prima dello sconvolgimento post-sismico della chiesa e i successivi vandalismi ivi perpetrati. Il testo originale: Conditus hoc tumulo dormit Paschasius abbas, iustitiae cultor, summae pietatis amator, hospitibus patulus, quo nulli est ianua clausa, nullius inpasta esuries vel tecta negata, 5 solator viduae omnis nutritorque pupilli, utilis et factus cunctis ad cuncta medella qui, nonagenariam claudens sine crimine vitam, redditur in terram membris et in aethera flatu. D̅(e)p̅(ositus) die XI

Leggi tutto »

Un altro lupo ucciso sul Gargano

Macabra scoperta, stamattina lungo la Strada provinciale 43 che collega Cagnano Varano al comune di San Giovanni Rotondo. Rinvenuto un lupo privo di vita appeso a testa in giù al chilometro 5 in località Coste di Manfredonia. Sul posto personale della Guardia Forestale, dell’Asl, e del servizio veterinario provinciale. In fase di accertamento la dinamica del fatto e le cause del decesso dell’animale. (A cura di Ines Macchiarola – inesmacchiarola1977@gmail.com) da statoquotidiano Questo é il lupo fatto ritrovare vicino San Giovanni Rotondo. Esaminando questa foto (il lupo non é stato sparato), la zampa anteriore sinistra mostra una ferita come se l’animale fosse finito mel morso di una trappola (tagliola). Una volta catturato probabilmente sarà stato massacrato a bastonate sul muso e impiccato dal collo (notare il collare sul pelo intorno al collo) e il sangue sul pelo pettorale e laterale del collo, sotto la testa. Dopo tale brutalità, il lupo é stato trasportato per essere impiccato a testa in giù, per esibire il massimo dell’ imbecillità e della crudeltà umana. Legambiente Circolo San Giovanni Rotondo Vedi la fotogallery dei lupi avvistati sul Gargano negli ultimi anni Il lupo appenninico, Canis lupus italicus, è un mammifero carnivoro della famiglia dei Canidi. Considerato il progenitore del cane, il lupo è specie protetta quindi è vietato cacciarlo. Eppure ogni anno in Italia vengono uccisi 300 lupi dai bracconieri: 1 ogni 29 ore. Oggi si stima che in Italia vivano 1.600/1.900 lupi in un’area di 74.000kmq. I lupi vivono in branchi da 4 esemplari. Ogni branco occupa circa 150/250 kmq di territorio. I lupi non attaccano l’uomo. L’uomo è il principale predatore del lupo. I bracconieri uccidono i lupi con bocconi avvelenati. Uccidere i lupi significa sgretolare i branchi. I lupi si nutrono di prede selvatiche Senza branco e selvaggina (uccisa dai cacciatori), si

Leggi tutto »

Zio Antonio compie 100 anni

di Domenico Antonacci Antonio Piccininno, classe 1916, il cantore più longevo della tradizione musicale del Gargano e del sud Italia, il 18 febbraio compie 100 anni.  Un “fossile vivente”, se volessimo utilizzare la locuzione coniata da Darwin, che ha vissuto a cavallo di due periodi storici radicalmente diversi, nel bene e nel male. Dell’inizio del secolo scorso ci tramanda un patrimonio immateriale inestimabile per il valore antropologico intrinseco prima che per quello estetico/emozionale proprio dell’arte del canto. Li guardava sempre da lontano quei 100 anni, e il conto alla rovescia era preciso, giorno per giorno. Ora ce l’ha fatta e, come ha detto il mio amico Luciano Castelluccia, nn’avte e ccend! Au’rj Ze ‘Ndò!

Leggi tutto »

La ricostruzione virtuale del Santuario della Grotta di San Michele (Monte Sant’Angelo) al tempo dei longobardi

Ne “Il Santuario di San Michele sul Gargano dal tardoantico all’alto medioevo” (del prof.re Marco Trotta) è possibile apprezzare una ricostruzione virtuale del Santuario grotta di San Michele di Monte Sant’Angelo al tempo dei longobardi, ovvero prima che il complesso fosse monumentalizzato dagli angioini assumendo pressoché la struttura attuale. L’ingresso del “santuario antico” era rivolto a nord, così come la grotta (ancora oggi), quindi affacciato sulla Valle Carbonara, quella che, semplificando, costituisce la “famosa” faglia che taglia in due il Gargano. Oggi la sezione contiene il museo lapidario da poco reinaugurato con un nuovo allestimento; un motivo in più per visitare l’area antica del santuario quindi. Fonte

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.