Dominick Daddetto e il suo viaggio dagli USA a Carpino per riscoprire le origini

di Domenico Sergio Antonacci Martedì 11 agosto è stata consegnato dal sindaco di Carpino, Rocco Manzo​, un piccolo riconoscimento a Dominick Daddetto​ come premio per la sua perseveranza nel ricercare le sue radici. Dominick è un ragazzo di 21 anni che vive nel New Jersey e da piccolo è sempre stato curioso di quel paesino italiano dal quale suo bisnonno emigrò a inizio ‘900. Poche erano le informazioni che aveva trovato nella sua famiglia, ormai radicata in USA, ma grazie ai social network Dominick è riuscito a “ritrovare il filo”, riuscendo addirittura a imparare il dialetto carpinese (anche grazie a Tonino Trombetta​). Da pochi giorni Dominick è in visita a Carpino con i suoi genitori, sorpreso dell’immensa bellezza e varietà del Gargano. Storie di emigrazione e storie di ritorno..speriamo di riuscirne a raccontare altre così! Era il 2013 quando mi scrisse per la prima volta via facebook ma mai avrei pensato che il suo interessamento si sarebbe concretizzato davvero di lì a poco.

Leggi tutto »

Vieste, degrado nella necropoli de La Salata tra rovi e scarichi di olio (altro che turismo….)

AGGIORNAMENTO: SITUAZIONE RISOLTA DA UN GRUPPO DI OPERATORI TURISTICI DELLA ZONA “Se entro il 17 luglio i ruscelli e le aree infestate da rovi non verranno pulite e se non verrà aperta al più presto una indagine sullo scarico dell’olio, i volontari tireranno i remi in barca e l’Oasi non sarà più visitabile” Vieste – La Salata, oasi naturalistica e sito archeologico del III sec d.C. di straordinaria rilevanza poiché segno dell’arrivo dei primi Cristiani sul Gargano, sarà chiusa alle visite dal 17 luglio se le autorità competenti non prenderanno provvedimenti verso gli scarichi di olio che continuano ad essere versati in uno dei due ruscelli che l’attraversano e se non si provvederà alla rimozione della vegetazione che ricopre i ruscelli stessi e le ampie aree del sito. Dell’episodio dello scarico di olio l’ANPANA (Ass. Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente) ha già sporto denuncia per iscritto presso la Polizia Municipale e informato il Dirigente dell’Ufficio Ambiente, il Corpo Forestale dello Stato, Assessore al Turismo e operatori turistici di Vieste. I volontari che nel sito si alternano da anni per renderlo fruibile non sono più disposti ad operare in un luogo impraticabile, dove i ruscelli e alcune tombe sono ricoperti di fitta vegetazione a causa dell’incuria nelle pulizie e dove, nei rari tratti nei quali l’acqua è visibile, si vedono in alcune ore del giorno passare e dirigersi verso il mare, macchie d’olio odoranti di fritto. Dopo 15 anni dall’intervento finanziato dal Parco Nazionale del Gargano, le staccionate cadono a pezzi, gli alberi di fico con le loro radici stanno insediando le tombe antichissime scavate nella roccia e la recinzione viene ripetutamente distrutta da balordi che vi entrano la notte, lasciando il giorno dopo bottiglie di birra e immondizia di ogni genere che i volontari sono costretti a pulire quotidianamente. E’

Leggi tutto »

Apre il museo del Lago di Varano, 15 luglio h.18.00

Si terrà mercoledì 15 luglio, alle ore 18.00, l’inaugurazione del Museo del Territorio, della Cultura Lagunare e della Pesca di Cagnano Varano. Realizzato nell’Ex Pesa di Bagno, dove un tempo avveniva la pesa del pescato, recentemente ristrutturata grazie ad un importante intervento nel Parco Nazionale del Gargano, il Museo mira a difendere uno degli aspetti più antichi dell’economia territoriale, fatta non solo di pastorizia ed agricoltura, che per secoli ha trovato nel lago di Varano una fonte di inesauribile ricchezza. Un angolo di cultura, di tradizioni, di storia, un’opportunità in più di valorizzazione del territorio e dell’ambiente lagunare, un patrimonio arricchito giorno per giorno anche dalla collaborazione dei residenti, i quali hanno donato reperti, foto, utensili ed attrezzi, a testimonianza di un passato prezioso e mai dimenticato. L’intervento, è stato finanziato con fondi POIn “Attrattori Culturali, naturali e del Turismo” (FESR 2007-2013) Asse I – Linea di intervento I.1.1. Ente attuatore è il Comune di Cagnano Varano, di concerto con la Regione Puglia, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e sotto direzione scientifica della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Puglia. All’evento, accanto al Sindaco di Cagnano Varano, Claudio Costanzucci Paolino, saranno presenti Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia, Gianni Liviano, Assessore alla cultura e al turismo della Regione Puglia, Francesco Palumbo, Direttore d’area delle politiche per la promozione del territorio, dei saperi e dei talenti della Regione Puglia, Luigi Scaroina, MIBACT O.I. POIn Attrattori culturali, Carlo Birrozzi, Soprintendente per i beni storici, artistici ed etnoantropologici della Puglia, Michele Schino, Funzionario della soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici della Puglia. “La Città di Cagnano Varano – ha dichiarato il sindaco Claudio Costanzucci – molto si è spesa per la realizzazione di questo progetto, collaborando fattivamente con il MIBACT, la Regione

Leggi tutto »

ARRIVA IL CONTRIBUTO DI 100 EURO PER ETTARO PER LE AZIENDE CHE NON BRUCIANO LE STOPPIE

Nel rispetto della L.R. 27/98 la Provincia di Foggia ha promosso un bando “BANDO PER L’EROGAZIONE DI INCENTIVI FINALIZZATI AD INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO AMBIENTALE A SCOPO FAUNISTICO. INTERVENTO: MANTENIMENTO STOPPIE DERIVANTI DA COLTURE A CEREALI” finalizzato alla realizzazione di interventi per miglioramenti ambientali ai fini faunistico-venatori e precisamente “Divieto di bruciatura delle stoppie derivanti dai residui di coltivazione dei cereali”. Alle aziende agricole che sono disposte a rinunciare alla pratica, ormai consueta e consolidata, della bruciatura delle stoppie e a voler posticipare l’aratura del fondo al 1 ottobre 2015, viene riconosciuto un premio di 100 euro per ettaro, fino ad un massimo di 500 euro per azienda. L’obiettivo che si vuol raggiungere con questo intervento è quello di favorire le condizioni ambientali per la fauna selvatica in modo da poter consentire un miglioramento dei risultati riproduttivi e della sopravvivenza. Va inoltre ribadito che la tecnica della bruciatura NON apporta nessun vantaggio o beneficio dal punto di vista agronomico (meno sostanza organica nel terreno e danni alla microfauna presente nel terreno). La domanda può essere presentata entro il 15 Luglio 2015 e la concessione del premio sarà effettuata sino all’esaurimento delle risorse. Bando, domanda e altra documentazione Fonte: http://www.agrogav.com/news

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.