A Sua immagine: San Michele Arcangelo, la grotta millenaria

Oltre a LineaBlu la scorsa settimana il Gargano è stato protagonista, con il Santuario di San Michele, della trasmissione “A Sua immagine”. Alla ricerca dei luoghi dello Spirito più incantevoli d’Italia. In viaggio con Rosario Carello visiteremo il Santuario dedicato a San Michele Arcangelo, con la sua straordinaria Grotta millenaria. Avremo modo di conoscere le vicende delle apparizioni di San Michele, di visitare la Grotta e i Luoghi Sacri del Santuario, che “sospeso tra il cielo e il mare, tra il divino e l’umano” è testimone di secoli di storia

Leggi tutto »

IX edizione del Ballo di Sant’Anna – Lesina

La sera del 26 Luglio per la festa e ricorrenza di Sant’Anna a Lesina, l’associazione Alexina propone la nona edizione de “Il Ballo di Sant’Anna”, una serata in cui due culture differenti ma dallo stesso credo, si incontrano nelle piazze del centro storico di Lesina.Lesina e Siviglia:Dalla comune esperienza del dolore nasce il lamento che si fa canto, ballo, tradizione e quindi arte.Da una parte si ricordano con fuochi, gli eventi del terremoto del 1627 , che portarono a Lesina e in tutta la Capitanata morte e distruzione.Dall’altra un tragico massacro in una lontanissima notte di Sant’Anna, nel secolo XVIII, quando in tutta la Spagna, vennero uccisi dodicimila gitani. Il Fuoco, simbolo dell’Arte, è elemento naturale in cui celebrare e purificare gioie e dolori che i nostri popoli, da una riva all’altra del mediterraneo, hanno vissuto. Durante la serata e direttamente dalla città di Siviglia si esibirà la compagnia di flamenco Jondo y Gueno, e dalla stessa Lesina il gruppo di musica popolare garganica Alexina . Il tema dello spettacolo, chiamato “Noches de Fuego”, gira attorno all’idea del fuoco immagine dell’espressione artistica che il popolo lesinese e quello andaluso, hanno rispettivamente celebrato.

Leggi tutto »

FOTO – L’ex Chiesa di Santa Maria de’ Martiri a Carpino

Innanzitutto ringrazio Pierluigi Pelusi per avermi indicato precisamente l’ubicazione della Chiesa che credevo, come molti carpinesi, scomparsa. Citata già del 1130 (come segnalatomi da Giuseppe Laganella che ha consultato un documento del 1307 riportato da Timoteo Mainardi), la chiesa di Santa Maria de’ Martiri (forse anche dei Martinelli) risulta diruta nel 1728 mentre nel 1680, come si evince da Cronologia de’Vescovi ed Arcivescovi Sipontini di Pompeo Sarnelli, era ancora usata per il culto. Questo vuol dire che l’edificio, o per lo meno una consistente parte di esso ha almeno 900 anni, dunque è una delle strutture più antiche di Carpino insieme al Castello (quello che ne rimane) ed alla torre di Largo Vico. La Chiesa è stata inglobata in un garage, ma, fortunatamente ne sono state mantenute le forme originali (probabilmente anche la volta); sicuramente ci sono stati cambiamenti, come la costruzione del camino, la distruzione del portale d’ingresso, il rifacimento del tetto e nella facciata che ha perso totalmente le sue caratteristiche originarie. Tuttavia la base della struttura mi è sembrata abbastanza antica ma servirebbe un architetto ed un archeologo per definirlo con certezza, la mia rimane solo un’ipotesi. Nel terreno circostante, come succede intorno alla Chiesa di Sant’Anna,

Leggi tutto »

1943, per non dimenticare le 20.000 vittime dei bombardamenti di Foggia

  VIDEO RIMOSSO; CLICCA QUI PER SCARICARLO  22 luglio e 19 agosto 1943, i bombardamenti più cruenti su Foggia. Da anni molti foggiani si battono per restituire dignità agli innocenti morti sotto le bombe, chiedono un monumento degno dei 20.000 caduti. Per saperne di più La maggior parte delle foto è tratta dal sito manganofoggia.it dove troverete anche ampie descrizioni dei giorni che funestarono Foggia

Leggi tutto »

Il trabucco, trappola amorosa….per chi sa

Quanti, hanno ammirato stupefatti uno dei trabucchi della costa garganica e si sono chiesti quale grande mente, di quale architetto, di quale ingegnere idraulico (lo sveliamo subito: quella di un pescatore con la terza elementare!), abbia mai potuto progettarne e tantomeno costruirne uno. Quanti ne hanno fotografato ogni minimo particolare, osservato da lì il tramonto, atteso l’arrivo del banco di cefali… quanti! E quanti si sono interrogati sul loro futuro (tra cui chi scrive)? Ormai s’è capito che il trabucco sta morendo. Il concetto in sé di trabucco sembra quasi filosofia, ovvero di attaccamento, cosa che personalmente proviamo per ogni singolo pezzo di legno del nostro trabucco a Punta San Nicola (foto del titolo; gli altri sotto sono rispettivamente di Calalonga, 1-2, Montepucci, 3, Manacore, 4, Usmai o Bescile, 5; ndr). La passione, la cura e quasi l’affetto – come si trattasse di una creatura, un figlio, per il quale nostro nonno sussulta durante una tramontana invernale sperando di trovarlo ancora lì (una volta, la notte di san Silvestro di un lontano 1940 venne distrutto) – si sta affievolendo. I “forestieri” sono affascinati, ammaliati da tanta ingegnosa fragilità e forza, nonché da qualcosa di esteticamente bello, un tutt’uno con gli

Leggi tutto »

Emergenza erosione per la spiaggia di Capojale

L’erosione della spiaggia di Capojale ha subito una notevole accellerazione nell’ultimo anno, in particolare gli ultimi chilometri della zona ovest dell’istmo (fino al molo), come visibile dalle seguenti foto: …le foto parlano da sole…urge fare qualcosa Lo stato di erosione è evidente anche ad un occhio non esperto nel campo ..ex passerella.. Avvicinandosi al molo la spiaggia scompare, i pini, il cui terreno è attaccato da vento e acqua, cadono in mare Uova di razza…o squalo? Già che ci siamo segnaliamo una situazione di totale abbandono di innumerevoli rifiuti, per lo più plastica; ancora una volta manca totalmente il rispetto per se stessi ed i luoghi dove viviamo. Il cassonetto è vicino, vuoto e circondato da spazzatura, che assurdo! La pineta di Capojale non merita questo… L’erosione delle coste è un fenomeno conosciuto e diffuso in Italia; non mancano pubblicazioni scientifiche, anche sulle nostre coste; ho raccolto, quindi, alcuni pdf la cui lettura potrà essere utile a chi vuole informarsi meglio sulle cause (antropiche, i porti……..) e i possibili rimedi (tanti…). LINK DOWNLOAD PDF INFORMATIVI EROSIONE COSTE GARGANO Il sistema dunale dell’istmo di Varano Il nuovo lungolago Sono ben accetti pareri e correzioni da esperti nel campo. 

Leggi tutto »

Gargano e Salento si fondono con il progetto musicale Puglia Bite

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO CARPINO FOLK FESTIVAL 2011 Domenica 24 luglio – Cagnano Varano  Domenica 7 agosto – Carpino L’ideale unione della Puglia attraverso le musiche dei suoi estremi: il Gargano ed il Salento.  diretta da Mauro Durante  Ingresso rigorosamente gratuito   I diversi timbri, modi di cantare, dialetti, colori, le diverse danze e le splendide voci, che hanno facce da giovani ma che sembrano portatrici di un passato dai contorni mitici, parlano per l’occasione una sola lingua, quella pugliese, con il chiaro intento di cercare e creare un’identità comune nella modernità. Un progetto musicale di Mauro Durante, leader del Canzoniere Grecanico Salentino e assistente di Ludovico Einaudi alla Notte della Taranta, in cui le pizziche salentine e le tarantelle garganiche si alternano e fluiscono le une nelle altre senza soluzione di continuità, in una festa di tammorre e tamburelli, nacchere e pietre, chitarre battenti e mandole, archi e organetti, zampogna e banda di fiati. Uno spettacolo da non perdere, che è allo stesso tempo viaggio e incontro, presente e passato, musica e magia. Lo spettacolo è prodotto dal Carpino Folk Festival interessato al coinvolgimento dei giovani nella valorizzazione delle specificità territoriali con l’obiettivo di cementare delle nuove icone della

Leggi tutto »

Arriva Città Aperte 2011, un’occasione unica per conoscere i luoghi ed i costumi della nostra Puglia

Anche quest’anno è ripartito il progetto regionale “Città Aperte”. L’evento, organizzato dall’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia di concerto con le Aziende di Promozione Turistica e l’agenzia Puglia Imperiale, punta a valorizzare le eccellenze dei diversi territori della Puglia, partendo da tematismi comuni a tutto il territorio pugliese e in particolare: Chiese e Luoghi di culto Castelli, Palazzi e Dimore Storiche Musei e Siti Archeologici Natura e ambiente Enogastronomia Piccoli Borghi Piccoli Borghi L’Edizione Regionale della brochure Città Aperte 2011 offre una vista sintetica delle eccellenze delle sei province, rimandando alle Edizioni Provinciali gli approfondimenti e il completamento dell’offerta. Presenta inoltre un’opportunità in più per i turisti in Puglia. Quest’anno, infatti, oltre a usufruire delle aperture straordinarie di chiese, castelli, monumenti, musei, siti archeologici, delle visite guidate, delle passeggiate naturalistiche, degli eventi enogastronomici, delle iniziative collaterali e di spiagge d’autore, è possibile provare un’innovativa esperienza di esplorazione del territorio, della natura e della cultura pugliese. Nell’elenco delle città che aderiscono al programma, laddove saranno presenti particolari simboli grafici, i viaggiatori avranno la possibilità di conoscere dettagliatamente il contesto e le caratteristiche dei beni culturali e turistici, andando al di là dell’apparenza, guardando oltre i muri e percependo

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.