“Se si vuole raggiungere un territorio è la motivazione che conta…”

C’è ancora chi sostiene che le gallerie siano la panacea di tutti i mali e che forando il Gargano da una parte all’altra si svilupperanno flussi turistici impressionanti.  Al contrario, pur essendo sostenitore del fatto che servano strutture importanti come l’aeroporto, ricordo che l’aeroporto più vicino a Cortina D’Ampezzo è Bergamo e quello più vicino ad Amalfi è Napoli. Se si vuole raggiungere un territorio è la motivazione che conta, non è lo strumento e neanche il tempo. È inutile continuare a immaginare missioni fatte sotto brand insipienti dall’altra parte del mondo. È il brand Italia il brand forte, all’interno del quale sempre più forte sta diventando il brand Puglia. All’interno dobbiamo capire il Gargano, il Salento, i Monti Dauni, la Valle d’Itria, le Murge, che livello di posizionamento riescono ad avere, non competitivo ma complementare. Le risorse arrivano, vengono spese, eppure nessuno sa come e nessuno ne vede gli effetti. Le prime cose che il pubblico taglia di fronte alle difficoltà finanziarie sono sociale e cultura, continuando a spendere mezz’ora di fuochi d’artificio per la festa di piazza perché “non se ne può fare a meno.       L’Ente Locale progetta solo in funzione del bando e della risorsa. La classe

Leggi tutto »

Il Sentiero dell’Anima – 28 maggio 2011, Dolina Pozzatina

L’evento culturale avrà luogo presso la Dolina Pozzatina tra San Marco in Lamis e San Nicandro Garganico (Strada Provinciale n. 38 – Km 13).  L’iniziativa, come noto voluta dalla famiglia Pirro di San Marco in Lamis, è giunta alla sua settima edizione e tutti gli anni continua a far parlare di se per l’originalità della location e delle manifestazioni d’arte ad essa abbinate. Per ulteriori informazioni e per prenotare un “posto in prima fila” al Sentiero: tel 0882-833316, cell. 3200108849, cell. 3280988407 o sito web www.ilsentierodellanima.it.

Leggi tutto »

Investire sul Carpino Folk Festival vuol dire investire per la crescita del nostro territorio!

– A tutti i cittadini di Carpino e del Gargano – Ai titolari di locali pubblici e di attività commerciali – Al senso civico dei più giovani Il Carpino Folk Festival ricopre un ruolo importante nella scena musicale della Puglia. Si tratta di un evento fantastico, dove stare tra il pubblico è meraviglioso cosi come esibirsi sul palcoscenico. Da oltre 15 anni è un evento portatore di valori, di legami con il territorio, di passione, tradizione, identità e credibilità. E’ nato a Carpino il primo grande festival pugliese della musica popolare e delle sue contaminazioni. Quest’anno l’Associazione organizzatrice ha davvero bisogno del sostegno di TUTTI per assicurare che uno dei più grandi eventi del suo genere dell’Italia del sud possa continuare a fornire un’esperienza  superiore ai tanti altri festival patacca!  La motivazione a sostenerci può essere la passione per la musica, il  desiderio di preservare un evento culturale che alimenta la nostra  economia e l’industria del turismo culturale della Puglia, o la consapevolezza che i giovani, i talenti e i nostri visitatori continuano  a vivere il festival cosi com’è stato concepito, ossia come una grande festa popolare. Ci sono molti modi per sostenerci, in particolare attraverso: – Donazioni – per

Leggi tutto »

Diego Abatantuono parla del suo Gargano a Tuttogargano

Forse pochi sanno che il padre del famoso attore/comico Diego Abatantuono era un calzolaio di Vieste.. Se potessi vivrei nell’acqua. L’idea delle vacanze per me è legata al sole, alle spiagge. Fin da piccolo tutte le estati si prendeva e si andava al Sud. Le vacanze dei miei anni Sessanta le collego al campeggio. Trent’anni fa il Gargano era fantastico, lo é ancora, ma sono cambiate tante cose. La spiaggia strepitosa, il campeggio libero, il mare unico. C’erano dei ruscelli dove l’acqua era semi-potabile e ghiacciata e lì si mettevano il burro, le bottiglie al fresco. In bagno si andava in mare o in mezzo ai campi, nell’immediato entroterra. Si cucinava sui fornelli da campo. Una volta fatto il viaggio per raggiungere la Puglia, poi non c’era nessun’altra spesa; solo il mangiare, che tra l’altro lì costava molto meno che a Milano. Mangiavi il pesce. Era meraviglioso, c’eravamo solo noi come turisti, a Vieste. Come ho già detto mio padre é di Vieste e lì abbiamo i parenti. I primi anni ci piazzavamo in una spiaggia di fronte alla quale sorgeva un isolotto, spiaggia libera naturalmente, ci sistemavamo con le tende a semicerchio di fronte al mare. Dal ruscello veniva

Leggi tutto »

La Provincia di Vicenza acquista 77 vasi daunii

Su segnalazione di Giampietro Piemontese pubblichiamo questo articolo ripreso da Il giornale di Vicenza. La Provincia leghista di Vicenza si infila in una vendita privata ed esercita il diritto di prelazione per portare a casa 77 tra vasi ed anfore di pregio archeologico in terracotta, provenienti dall’Antica Puglia. Pare strano, certo, ma alla fine, in nome della «cultura italica» – anche se datata dal VI al III secolo avanti Cristo – il presidente della giunta di palazzo Nievo, Attilio Schneck, ha voluto acquistare il pacchetto per 25 mila euro, restaurarne una parte per altri 30 mila euro, e metterli in mostra, grazie alla collaborazione dell’Ente Fiera e alla supervisione della Sovrintendenza per i beni archeologici del Veneto, negli uffici di palazzo Bonin Longare. Dal 4 al 31 maggio sarà possibile ammirare parte della collezione. L’altra parte, altri 93 reperti, sarebbero ancora sotto sequestro in attesa che si chiarisca in appello una vicenda processuale datata 2008 quando la guardia di Finanzia confiscò oggetti per il valore di almeno 600 mila euro.Gli acquisti risalgono al 2008: «Ma quelli erano altri tempi, quando ancora il Patto di stabilità non strozzava le amministrazioni. Se capitasse adesso? Probabilmente si rifarebbe tutto nuovamente, ma facendo molta

Leggi tutto »

Magnalonga: in bici degustando la Puglia. Dal 21 maggio al 18 Giugno 2011

La Magnalonga è un’iniziativa nata e promossa in molte località del nord Italia che vede gruppi di persone passeggiare, per boschi o per paesi, alla scoperta delle bellezze e delle prelibatezze gastronomiche dei luoghi visitati. Al fine di promuovere il cicloturismo nella Regione Puglia Legambiente propone la realizzazione di cinque percorsi ciclabili (Otranto, Bari, Ostuni, Margherita di Savoia, Ischitella-Varano) per valorizzare gli aspetti gastronomici e culturali del territorio pugliese. I percorsi saranno frazionati in tappe, in ogni tappa sarà possibile degustare prodotti tipici locali e visitare luoghi di interesse culturale. Il primo evento, ossia quello di Bari, sarà in contemporanea con la Magnalonga di Roma. 11 giugno 2011 – Ischitella (FG), pedalando intorno al Lago di Varano. Il luogo di ritrovo è ad Ischitella, presso la Chiesa del Santissimo Crocifisso di Varano (dove nell’ampio spazio dei terreni circondariali è possibile parcheggiare le auto), con partenza alle ore 16:00. Sono previste tre soste dove per l’occasione sarà possibile degustare prodotti di vario genere tipici del posto offerti gentilmente da alcune delle aziende agricole della zona, la prima tappa sarà in località Torre Varano distante circa 8 km dal luogo di partenza, dove si potranno ammirare lil Lago di Varano e l’antica

Leggi tutto »

Il mondo è piccolo: reperti archeologici simili a migliaia di km di distanza

A sinistra una stele trovata in Spagna, a destra una stele della Daunia…elementi in comune: forma, posizione delle braccia, motivi geometrici, collana; due creazioni estremamente elaborate, ritrovate a migliaia di km di distanza l’una dall’altra eppure molto simili. Foto prese su internet, qualora ne reclamiate la paternità posso aggiungere il vostro nome o rimuoverle

Leggi tutto »

Una tradizione è come un elastico, sembra un andare indietro, ma è solo un prendere la ricorsa…

Foto A.Maggio A lungo “tradizione” è stata una brutta parola, la chance è proprio nel reintepretare la tradizione in chiave diversa, poiché non è più un’appartenenza repressiva che schiaccia e deforma, ma qualcosa che fa attrito rispetto alla disinvolta e leggera facilità della mercificazione, che, mettendoci tutto a disposizione, sembra allargare la sfera della nostra esperienza, ma in realtà la restringe, perché conosce solo il semplice gesto dell’ingoiare. D’altra parte questo ritorno della tradizione non è, come molti temono, la vittoria della nostalgia e della regressione, ma al contrario l’occasione per un’idea della libertà più ricca e concreta, capace di affrontare le sfide della complessità. Questa idea di tradizione non stringe, ma allarga il nostro linguaggio, ci rende compiutamente uomini di confine. Una tradizione aperta è come un elastico, sembra un andare indietro, ma è solo un prendere la ricorsa, un rilanciare in un’orbita planetaria le voci di una terra, scoprendo che esse giungono più lontano delle deboli imitazioni delle storie nate altrove Franco Cassano da Il pensiero meridiano

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.