Domenica 22 maggio visita l’Oasi Lago Salso

Parco nazionale del Gargano, oasi Lago Salso (copyright Maria Pia Telera) Domenica 22 maggio porte aperte ai visitatori all’interno del parco protetto a pochi chilometri da Manfredonia. L’Oasi Lago Salso apre le porte ai visitatori per una visita all’interno del parco protetto (cicogne, fenicotteri, cavalieri d’Italia, aironi, gobbo rugginoso, …). La visita è gratuita ed è sia per adulti che per bambini. Si possono utilizzare aree da pic-nic e parco giochi. L’Oasi Lago Salso fa parte del sistema delle zone umide di Capitanata, le più importanti dell’Italia meridionale. L’Oasi è infatti una zona umida di 540 ettari, di elevato valore naturalistico, formata da un alternarsi di specchi d’acqua e folti canneti, situata nel comune di Manfredonia (a circa 20 km da San Giovanni Rotondo) e formata da tre vasche arginate (la Valle Alta, la Valle di Mezzo e la Valle Bassa o Lago Salso vero e proprio) di profondità variabile da 50 a 170 cm, a seconda del livello stagionale e delle esigenze gestionali. Nel corso degli anni sono stati realizzati, e sono tuttora in corso di realizzazione, numerosi interventi finalizzati alla conservazione delle specie animali più minacciate presenti in Puglia, attraverso l’attivazione di progetti finanziati dalla Comunità Europea (LIFE)

Leggi tutto »

L’astronauta Paolo Nespoli ci regala un’altra foto del Gargano dal cosmo!

6 luglio 2013: Anche l’astronauta Parmitano fotografa il Gargano dall’ISS   FOTO ESA/NASA Clicca qui per scaricare la foto ad alta risoluzione! Su Flickr è possibile comunicare con l’astronauta Paolo Nespoli che scatta continuamente foto alla Terra dall’alto…già una volta ha soddisfatto una mia richiesta ma questa volta ha superato se stesso scattando questa fantastica fotografia del Gargano da nord est (gli ho chiesto anche una foto delle Tremiti…). Si vedono Vieste, Peschici, Vico, Ischitella, Cagnano, Carpino, Rodi, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Manfredonia, San Giovanni, San Marco la grande faglia che parte da Stignano ed arriva a Mattinata, il Lago di Varano, un’aereo di linea con scia (vicino Vico)…e la fantastica Foresta Umbra….  Gli uomini sono poveri perchè non si accorgono delle ricchezze che hanni attorno… Seguici su facebook, aggiornamenti dal Gargano in tempo reale CLICCATE SUL “MI PIACE”, SOPRA LA FOTO! AGGIORNAMENTO: MI HANNO RISPOSTO DI NUOVO DALLO SPAZIO, HANNO 30 FOTO DELLE COSTE DEL GARGANO MA PURTROPPO IN NESSUNA SI VEDONO LE ISOLE TREMITI, PECCATO! AGGIORNAMENTO  VIDEO: PAOLO NESPOLI IN COMUNICAZIONE CON LE SCUOLE DI CASTELLUCCIO VALMAGGIORE (FG) VEDI ANCHE: Il Gargano dal cielo negli anni ’50 Il Gargano visto dall’aereo  La Croazia vista dal Gargano Il Gargano dallo

Leggi tutto »

Il sistema dunale integro dell’istmo di Varano

Tra i mille casi di inquinamento che interessano il Lago di Varano c’è anche qualche oasi che si mantiene intatta, di seguito la descrizione di Nello Biscotti del sistema dunale integro nei pressi del camping Viola. I sistemi dunali integri sul Gargano sono sempre più rari; rimane spesso la sola “spiaggia”, e non sempre, visto che il sistema è attaccato da due fronti opposti: dal mare (lidi, ombrelloni) e dall’entroterra (urbanizzazione, le attività agricole); rimanendo la sola spiaggia, il mare può tranquillamente agire, asportando e depositando altrove la sabbia. Sul fronte interno sono da considerare, inoltre, gli inquinamenti biologici (istmi di Lesina e Varano), conseguenti all’introduzione di specie esotiche estremamente dannose, quali Acacia cianophylla, che ha tolto spazio alle specie autoctone, e che oggi non si riesce più a debellare. Per fortuna non tutto è perduto: a Lesina e Varano (che stiamo studiando da anni) ampi tratti del sistema sono ancora integri; uno in particolare è il tratto all’altezza del camping Viola (Isola Varano, in foto), l’aula all’aperto di ripetute visite didattiche con studenti di Ancona, di studio (Gruppo della Vegetazione Società Botanica italiana). Si riconoscono dune embrionali, tratti di dune mobili, e fisse, stagni con tartarughe (Caretta caretta L.)

Leggi tutto »

Bozzelli, il sipontino che scrisse la Costituzione del 1848

Post “flash”: dopo la sultana sipontina di ieri ho trovato la storia di Francesco Paolo Bozzelli, personaggio molto importante nato anch’esso Manfredonia che fu ministro e scrisse la costituzione del Regno delle Due Sicilie del 1848. Per chi volesse approfondire ci sono questi due link (il primo collega ad altri due eminenti personaggi di Manfredonia, un caricaturista ed un disegnatore..insomma basta avere la voglia di leggere e conoscere): Bozzelli e la Costituzione del 1848, Manganaro e Barboni Francesco Paolo Bozzelli su wikipedia Buona lettura!

Leggi tutto »

Convegno “Stati generali del paesaggio di Capitanata 2011” – Foggia 19 Maggio 2011

«E’ tempo di fare bilanci e ancor più di programmare. Gli Stati Generali del Paesaggio di Capitanata 2011 nascono proprio con questo fine, verificare lo stato attuale del territorio di Capitanata alla luce del suo stato attuale e delle recenti normative in campo energetico e agricolo, sempre e comunque riponendo una crescente attenzione alla conservazione e valorizzazione del nostro patrimonio turistico culturale. Un compito difficile, tra l’altro in un periodo di grande confusione e che per questo necessita di confronti costruttivi ed idee chiare. Il mio augurio, in qualità di editore di questa testata, nonchè Vice Capo delegazione FAI Provinciale di Foggia è riuscire, attraverso questo incontro di alto valore sia per la qualità dei relatori che per il “peso” degli argomenti a dare un contributo concreto alle politiche di sviluppo di una terra come la nostra, potenzialmente ricca di ogni bene e paradossalmente in seria difficoltà, forse soltanto perché ancora poco consapevole di se stessa e delle proprie eccellenze». Nico PALATELLA Editore Culttime Vice Capo Delegazione FAI Foggia

Leggi tutto »

La storia della sultana che veniva dal Gargano

E’ Domenica mattina del 16 Agosto 1620. Le campane della chiesa di San Domenico hanno un suono lugubre, quasi presagendo l’imminenza di qualcosa di grave e irreparabile. Ben presto, infatti, giunge dal porto un giovane marinaio annunciando di aver avvistato una enorme flotta di navi turche, oltre cinquanta. Una guardia conferma l’arrivo di cinquantaquattro galee con oltre cinquemila uomini, giannizzeri molto pratici della della guerra. Gli abitanti terrorizzati scappano fuori dalle mura lasciando aperta la porta della città. Gli invasori mettono a ferro e a fuoco quanto incontrano sulla loro strada e catturano tutte le persone valide per venderle come schiavi. I vecchi, i malati e i bambini sono ferocemente uccisi; le case dei più ricchi saccheggiate, quelle dei poveri incendiate. Le chiese ed i conventi sono oggetto della violenza più cruda. Il 17 Agosto viene sferrato l’attacco decisivo al castello, debolmente difeso dal governatore Carafa. Ormai la resa è inevitabile. Il castello è consegnato a Pascià Alì, capo della flotta turca che all’alba del 19 Agosto leva le ancore e le galee turche salpano con un ingente bottino lasciando Manfredonia quale città più povera della Capitanata. Nel monastero delle Clarisse fu rapita la piccola Giacoma Rosa Beccarino, orfana di

Leggi tutto »

VIDEO AmbienteItalia – Rai3, sulle trivellazioni nel mare Adriatico

Sabato 14 maggio è andato in onda su Rai3, nella trasmissione AmbienteItalia, un servizio che riassume tutta la vicenda delle trivellazioni petrolifere nel mare Adriatico ed in particolare intorno alle Isole Tremiti, buona visione. <p><p><br></p></p> Ringraziamo Gianfranco Pazienza per la segnalazione

Leggi tutto »

12 milioni di euro per l’inquinamento da nitrati, c’è anche Carpino tra i comuni interessati

Saranno messi a disposizione 12 milioni di euro per l’attuazione del “Piano d’Azione Nitrati”, una serie di interventi volti al miglioramento del sistema dell’informazione, del monitoraggio e del controllo degli oltre 92mila ettari del territorio pugliese eccedenti il valore limite per i nitrati, sostanze chimiche derivanti da un uso eccessivo di composti azotati in agricoltura che possono portare a effetti tossici sulla popolazione e che, specie in alcune zone della Puglia, soprattutto nel Salento, hanno già invaso parte delle falde freatiche. Nella stagione estiva, l’utilizzo dei nitrati raggiunge il picco massimo e tali composti, insieme a molti altri, tendono poi a concentrarsi nei fiumi e poi presso gli sbocci a mare, rendendo alcune spiagge non balneabili. La misura decisa dal giunta regionale si è resa necessaria a causa di una recente sentenza della Corte di Giustizia Europea (UE, sez. IV, n. C-105/09 del 06/2010) la quale ha stabilito che: Entro un periodo di due anni a decorrere dalla notifica della presente direttiva, gli Stati membri designano come zone vulnerabili tutte le zone note del loro territorio che scaricano nelle acque individuate in conformità del paragrafo 1 e che concorrono all’inquinamento. Essi notificano tale prima designazione alla Commissione entro sei mesi.

Leggi tutto »

Trekking: dall’Alto Tavoliere al Pizzomunno

La consultazione di varie fonti e testimonianze storiche mi ha indotto a progettare un percorso che ho denominato : “DALL’ ALTO TAVOLIERE  AL PIZZOMUNNO”, ovverossia un’ ipotetica unione territoriale, culturale, storica e religiosa di due realtà apparentemente distanti ma comunque integrate nel Parco Nazionale del Gargano, e che in passato hanno ospitato due importanti popoli, i Frentani ed i Dauni. Il camino  utilizza antiche strade ( la VIA FRENTANA  e la VIA LITORANEA ) i tratturi della transumanza ( il TRATTURO REGIO L’AQUILA – FOGGIA ) e le vie della fede ( la VIA FRANCIGENA DEL SUD ). Percoso (partenza intorno all’11 giugno): 1) Da  SERRACAPRIOLA  ad  APRICENA  ( km.28,00 ) 2) Da  APRICENA al SANTUARIO MARIA SS di STIGNANO  ( km.31,00 ) 3) Dal  SANTUARIO  MARIA  SS di  STIGNANO  a  SAN  GIOVANNI  ROTONDO  ( km.23,00 ) 4) Da  SAN  GIOVANNI  ROTONDO  a  MONTE  SANT’ ANGELO  ( km.28,00 ) 5) Da MONTE  SANT’ ANGELO  a  VIESTE  ( km.35,00 ) Info e prenotazioni : pietrocaforio@alice.it Dettagli in questo file Evento facebook

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.