Re Ferdinando I d’Aragona si accampò a Carpino?

Re Ferdinando I si accampò a Carpino prima di assaltare Monte Sant’Angelo? Questo è scritto nel Teatro topografico storico-poetico della Capitanata e degli altri luoghi più memorabili limitrofi di Fraccacreta. Affidabile? Difficile da dire, bisognerebbe trovare altri riscontri. La logica però porta a pensare che, alla fine del XV secolo, sbarcò a Rodi e passò da Carpino, antica via per arrivare a Monte Sant’Angelo dal Gargano Nord; dunque, prima di inoltrarsi nel promontorio fece installare un accampamento a Carpino? Dal Volume 3 del Teatro topografico storico-poetico della Capitanata e degli altri luoghi più memorabili limitrofi di Fraccacreta (ora anche su google books) leggi anche “L’assalto di Ferdinando I a Monte Sant’Angelo“ Chi è Ferdinando I?

Leggi tutto »

La miniera di bauxite di San Giovanni Rotondo nei ritagli dell’Unità

Abbiamo trattato diverse volte della miniera di bauxite di San Giovanni Rotondo (vedi qui e qui). Questa volta però vi proponiamo alcuni ritagli del giornale L’Unità trovati dall’amico Ludovico Centola de La valle degli eremi. In essi scorrono le problematiche del tempo, sicurezza sul lavoro, licenziamenti, scioperi etc. Oggi non restano che pochi ricordi e i macchinari lì, in località Calderoso..tra pianura e montagna.

Leggi tutto »

Tarantelle avvelenate…salviamo le tarantelle del sud!

Tarantelle avvelenate è il blog – sinceramente irriverente e appassionatamente velenoso – che recensisce -in maniera ironica- spettacoli di danza popolare scelti arbitrariamente tra le vostre prodigiose segnalazioni su quello che meno vi piace. Il  tentativo è di offrire uno spazio dove parlare chiaro, prendersi poco sul serio e mettere tutto un pò in discussione. Siccome non è mica cosa da poco, le segnalazioni sono rigorosissimamente anonime. I protagonisti sono tanti in una faccenda complessa chiamata in maniera generalista “la musica popolare – la taranta – le tamburriate” volendo indicare invece il movimento artistico legato alle culture popolari del sud, che ha una sua propria storia di mille sfumature. Se vuoi scoprirne di più sul movimento artistico degli ultimi trent’anni puoi usare google, youtube, i concerti, i libri, i corsi di danza e i cd….Questo è un blog, rappresenta l’opinione di chi lo scrive e di chi lo legge: non è Wikipedia. La  nostra  cattiveria, l’ironia e il  gusto estetico sono gli unici parametri scientifici con i quali vengono scritti gli articoli di #tarantelle avvelenate, in nome del diritto di satira riconosciuto dall’art. 33 Cost., che ne sancisce la libertà, essendo lo stesso una forma d’arte . …se avete il cuore sensibile [o lo stomaco delicato] questo blog non è per voi… Buon’avveleneta (clicca qui)

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.