Giornata CAI Foggia e Slow Food

Domenica 3 Aprile: visita ai presìdi della Mucca Podolica e Capra Garganica. Masseria Paglicci è un luogo straordinario situato sulle prime propaggini del promontorio garganico, qui pascolano allo stato brado mandrie di vacche podoliche e greggi di capre garganiche, che donano al paesaggio un sorta di sacrale tranquillità. La Masseria Paglicci, risalente all’età borbonica, mantiene ancora oggi tutto il fascino austero dei tempi andati che rivivono n…elle tradizioni del posto. Nelle sue pertinenze vi è la famosissima Grotta Paglicci, giacimento preistorico che ha restituito negli ultimi 40 anni oltre 45.000 reperti databili tra i 500.000 e gli 11.000 anni da oggi. L’azienda con i suoi uliveti secolari e pascoli cespugliati (macchia mediterranea) rientra integralmente nel Parco Nazionale del Gargano.   PROGRAMMA ore 9:30 Laboratorio sulla produzione del Caciocavallo Podolico ore 11:00 Breve escursione (difficoltà: T) ore 13:30 Pranzo MENU Aperitivo: – carpaccio di musciscka di capra garganica; – pizza con cicoli; – battuta di mucca podolica con scaglie di caciocavallo podolico; – prosciutto d’ariete; – salumi di maiale nero dauno; – bruschetta con cremino podolico.  Formaggi: ricotta podolica, cacioricotta di capra e caciocavallo podolico Secondi: – stracotto podolico; Gran Barbecue: – grigliata di tagliata podolica; – grigliata di maiale nero

Leggi tutto »

GRAVISSIMO! Gasolio nel lago di Varano!

Foto indicativa Ci è giunta una segnalazione via facebook che nei canali dell’istmo di Varano, oltre ai soliti rifiuti, viene riversato del gasolio per uccidere le zanzare. Non possiamo confermare ma non ci stupiremmo più di tanto se ciò fosse vero data la poca cultura al rispetto ambientale che c’è in zona. E’ un atto gravissimo che oltre ad uccidere le zanzare uccide il lago di Varano e va ad intaccare un’intera catena biologica che è (o era) quasi unica a livello nazionale, sicuramente lo è nel Sud Italia. Preghiamo chiunque avesse foto o altre testimonianze del genere di comunicarcele e di denunciare il tutto all’autorità competente. La segnalazione si trova qui, qualche post più sotto

Leggi tutto »

Foresta umbra, 89 volontari per il conteggio del Capriolo.

Sono 89 gli «Indiana Jones» che per quattro giorni si presteranno come volontari per espletare l’annuale conteggio di caprioli previsto da oggi e sino a domenica in Foresta Umbra. Un progetto, importante ed unico nel suo genere, promosso dal Parco Nazionale del Gargano, che, quindi, consentirà ai partecipanti (provenienti da ogni parte d’Italia) di vivere a diretto contatto con la natura soggiornando nel cuore pulsante del Gargano, proprio nell’anno internazionale delle foreste.   L’INIZIATIVA – Il progetto di conservazione del capriolo italico, come sempre promosso da Ente Parco, Regione Puglia e UE, è una delle attività dell’Osservatorio naturalistico, il servizio scientifico del Parco del Gargano. L’Osservatorio naturalistico è gestito dal Centro Studi Naturalistici Onlus, con le relative attività istituzionali di monitoraggio faunistico-ambientale tra cui quella sul capriolo italico. L’osservatorio ha organizzando i conteggi annuali di capriolo in battuta che sono previsti dal 23 al 27 marzo in Foresta Umbra. Queste particolari attività di ricerca, per essere svolte, richiedono la partecipazione di volontari che hanno così l’opportunità di vivere un’esperienza di ricerca sul campo. Come sempre si alloggerà presso la base dell’Aeronautica “Jacotenente”, nel cuore della Foresta Umbra. L’arrivo è previsto per mercoledì 23 (in serata) e la partenza per domenica

Leggi tutto »

Nel 2013 i mondiali orienteering sul Gargano

Nel 2013 previsti l’arrivo di migliaia di atleti provenienti da tutto il mondo. L’annuncio ufficiale nei prossimi giorni. La lieta notizia è stata anticipata dal braccio destro del presidente del Coni, Michele Barbone all’assessore allo sport del Comune di Vico, Nicolino Scioscio. Dopo i campionati italiani di orienteering che si svolgeranno a Vico e sul Gargano nel 2012, la chicca di quelli mondiali. Felicissimo l’assessore Sciscio: “il lavoro paga, non abbiamo mollato, ora ci viene riconosciuto il giusto merito. Mercoledì 30 nella sala consiliare del comune di Vico, alle 11 abbiamo un’incontro con tutti i sindaci per iniziare il percorso e la messa a punto dell’iniziativa, che tanto lustro e beneficio porterà al nostro territorio”

Leggi tutto »

Isole, il nuovo film con Asia Argento sulle Isole Tremiti

E’ in corso di ripresa il film dal titolo provvisorio “Isole” sull’arcipelago delle Tremiti.; da domenica, infatti, la troupe, dopo aver girato a Termoli, si è spostata sulle isole per nuove scene.Nel cast anche Asia Argento e Ivan Franek mentre il regista è Stefano Chiantini. Altre info qui

Leggi tutto »

Disastro dell’Enichem di Manfredonia, tutti assolti!

Dopo l’assoluzione in primo grado sono stati assolti anche nel processo d’ appello i dieci ex dirigenti dello stabilimento Enichem di Manfredonia e due esperti di medicina del lavoro accusati, a vario titolo, di disastro colposo, 17 omicidi colposi, 5 casi di lesioni colpose e omissioni di controllo. Una vicenda iniziata il 26 settembre del 1976 dopo il collasso della colonna di lavaggio dell’anidride carbonica dell’impianto di produzione dell’ammoniaca dell’Enichem, che allora si chiamava ancora Anic, e che causò la fuoriuscita di dieci tonnellate di anidride arseniosa. L’arsenico, ipotizzò la Procura di Foggia, sarebbe rimasto nell’ambiente per sei anni, dal 1976 al 1982, provocando una serie di decessi per tumore. La sentenza di assoluzione di secondo grado è stata emessa dai giudici della terza sezione della corte d’appello di Bari che ha assolto i dodici imputati perché il fatto non sussiste. Una sentenza, quella dei giudici baresi, che ha confermato quella emessa dai giudici del tribunale di Foggia il 5 ottobre del 2007. Luca Pernice da Corrieredelmezzogiorno.it Altro: A 35 anni dall’esplosione… Aggiornamento giugno 2012 L’ILVA COME L’ENICHEM  

Leggi tutto »

Ancora una volta depredata Santa Barbara, una delle chiese più antiche del Gargano

Rodi garganico. Ecco Santa Barbara, la chiesa più antica di Rodi Garganico, crollata due anni fa e oggi depredata dello Stemma dei Cavalieri di Malta. E’ sparito lo stemma dell’abate Gristi, rubato da ignoti. Era l’unica cosa preziosa che restava di questo monumento che un tempo appartenne ai Templari e poi fu commenda dei Cavalieri di Malta! Eccolo, erano stati già fatti tentativi di furto… Foto T. Rauzino Foto T. Rauzino Foto T. Rauzino Altre informazioni Teresa M. Rauzino

Leggi tutto »

La mucca podolica, conosciamola

Oggi vi facciamo leggere un articolo tratto dal sito Garganistan.it sulla vacca podolica, bovino caratteristico di alcune zone del sud-Italia tra le quali il Gargano. L’origine del bovino podolico risale al Bos primigenius o Uro, bovino di grande mole addomesticato quattro millenni A.C. in Medio Oriente. La sua comparsa in Italia, secondo alcuni Autori (Checchia, 1934; Parisi, 1959; Marcuzzi e Vannozzi, 1981), sarebbe avvenuta con le invasioni barbariche da parte degli Unni i quali, provenienti dalla Mongolia, passando per la Podolia (regione steppica dell’Ucraina), giunsero in Italia nel 452 D.C., così il Bos primigenius si diffuse dall’Istria al basso Veneto, nella pianura Padana orientale e lungo la dorsale appenninica fino alla punta della Calabria. Infatti proprio la Podolia è ritenuta culla d’origine del bovino Podolico, da cui prende il nome. Mentre secono altri (Blanc e Blanc 1959) nell’isola di Creta, in epoca Minoica, esisteva già un bovino primigenio, introdotto dal vicino Oriente. Continua su Garganistan.it Mostra tutto

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.