La mafia sociale, il nuovo libro del procuratore Domenico Seccia

Qualche anno fa abbiamo organizzato una presentazione del primo libro di Seccia, “La Mafia Innominabile“. Adesso il procuratore di Lucera torna con un nuovo lavoro. Perché nessuno parla della mafia di Capitanata? «Perché – come scrive Seccia – qui non vi è stata alcuna rivoluzione dei lenzuoli. Qui si continua a dire che non vi è alcuna infiltrazione mafiosa. Tutti dicono ‘qui’ e non ‘da noi’ e forse anche questo vuol dire qualcosa. La mafia rende tutto cenere. Se soffi sulla cenere non c’è nulla in essa che opponga resistenza per non volarsene via. Rendere cenere ogni cosa è la sua forza. Dove vi è cenere non vi è più nulla. Non c’è Stato. Non c’è sviluppo. Tutto è così come è. Immutabile». Un’anteprima Leggi altro qui  Acquista La mafia innominabile, una nostra breve recensione

Leggi tutto »

Documentario: Carmine Crocco, dei briganti il Generale

di Domenico S. Antonacci 108 anni fa, nel 18 giugno 1905, muore il brigante Carmine Crocco dopo 41 anni di carcere e lavori forzati. Un personaggio, nel bene e nel male, tra i più importanti della storia dell’Unità d’Italia. Non voglio esprimermi sulle ragioni di una e dell’altra parte, (Regno Borbonico e Savoia), sarebbe troppo complesso e rischierei di affrontare l’argomento in maniera semplicistica, per cui consiglio la visione di questo documentario; magari non sarete d’accordo con tutto però è un bel prodotto. Carmine Crocco, dei briganti il Generale Documentario del 2008, di Antonio Esposto, pugliese, e Massimo Lunardelli, piemontese. Interviste a Nigro, Romano, Proto ed altri. Accompagnati dai pastori di Rapolla (Pz) alla ricerca, sul Vulture, di nascondigli e tracce di briganti. Fummo calpestati, noi ci vendicammo…… Leggi anche il diario di Crocco La prego perciò illustrissimo signor….. di non mettere da parte questo mio scartafaccio; esso ben corretto, da colui che ha il dono della scienza e delle lettere, diverrà se non dilettevole, di certo interessante e meritevole di esser letto. Mi siano perdonate le parole improprie e sconvenienti, le prime sono da attribuirsi alla mia scarsa cultura, le seconde al mio sentito dolore, e prego correggere in modo ch’esse non offendono la dignità della stampa. Non è desiderio di trasmettere ai posteri il ricordo delle fatte uccisioni che mi spinge a pregarla di stampare questo mio scritto. Noi oggi leggiamo gli scritti di secoli remoti e dalla narrazione dei fatti avvenuti si traggono ammaestramenti avvenire; chi nol sa che fra mille anni questi miei scarabocchi possano servire a qualche cosa, che ora noi neppure pensiamo. Che sorga qualcuno, fra tanto crescente progresso intellettuale, che comprenda quello che io cercavo, e facendo la storia del duemila e duecento circa uomini scannati per uno solo, trovi un efficace rimedio

Leggi tutto »

#stopamianto Rifiuti e amianto a Torre Mileto/Schiapparo ma nessuno raccoglie

Le seguenti foto, ritraenti i “ridenti” viali di Torre Mileto/Schiapparo (5000 abitazioni abusive) sono state inviate da un lettore anonimo; data 27 giugno 2013. E dovremmo essere in una località “turistica”. Amianto dappertutto ma almeno questa volta è vicino ai secchi e non sperduto in boschi e valloni. Perchè la spazzatura non viene raccolta? Ormai è una discarica a cielo aperto. Vedi anche “Amianto sulla strada tra San Marco in Lamis e San Nicandro Garganico” Ma la situazione altrove non è migliore..tra abusivismo e spiagge sporche…altro che turismo Ma la situazione altrove non è migliore..tra abusivismo e spiagge sporche…altro che turismo

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.