Ricerca di volontari per un intervento di urgenza agli Eremi di Pulsano

L’eremo Studion AGGIORNAMENTO 17/04. L’INTERVENTO E’ SPOSTATO AL 25 APRILE CAUSA PREVISIONI METEO SFAVOREVOLI PER DOMENICA 21. La Pro Valloni Garganici è un ente che ha avuto il riconoscimento come Onlus per la “tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente”. Nell’ambito delle attività istituzionali la Pro valloni Garganici ha avuto le necessarie autorizzazioni dagli Enti Pubblici competenti per realizzare un intervento in emergenza della struttura a rischio di crollo imminente di un ambiente facente parte del gruppo degli Eremi di Pulsano e denominato “STUDION” . La Onlus ha il titolo per intervenire in forza di regolare contratto di comodato d’uso e può operare avendo compiuto i necessari adempimenti di legge presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Monte Sant’Angelo e l’Ente Parco Nazionale del Gargano a fronte di un progetto che abbiamo già presentato alla Sopraintendenza e di cui abbiamo avuto riscontro con lettera di encomio dalla Direzione Regionale. La progettazione tecnica dell’intervento è stata curata da un team di ingegneri ed architetti guidati dall’Ing. Gaetano Spagnuolo. L’intervento sarà realizzato dall’Impresa D’Angelo Pasquale, la direzione dell’Intervento sarà curata dall’Arch. Francesco Lauriola. Tutte le azioni di progettazione e realizzazione dell’intervento così pure la consulenza del nostro legale Avv. Vincenzo Tizzani , sono svolte pro bono dagli interessati non avendo a tutt’oggi ricevuto contributi dagli enti pubblici . Nella fotografia si vedono le ragioni che determinano l’urgenza dell’intervento. Nella parte interna dell’ambiente che rischia di crollare, sulle pareti pericolanti sono ancora visibili le tracce di affreschi come da fotografie. L’eremo Studion è raggiungibile solo a piedi e con un difficile percorso di trekking dall’Abbazia di Santa Maria di Pulsano e più facilmente, solo scendendo, da un’altro percorso da noi individuato. Tramite quest’ultimo percorso sarà necessario portare circa 500 kg di materiali utili per l’intervento dell’Impresa. Non è possibile utilizzare altri mezzi, elicottero compreso,

Leggi tutto »

Quanto è antropizzata la Puglia? E il Gargano ? Scopriamo con il progetto Aci

di Domenico S. Antonacci Oggi vi parlo di un argomento che ho affrontato nella mia tesi di laurea, l’informazione geografica dal basso nel web 2.0; in particolare mi soffermo su un progetto web dal basso che vuole creare una mappa del degrado ambientale italiano, usando in modo complementare i modelli dell’open data e del crowdsourcing; vede coinvolta la Regione Puglia e il territorio del Gargano. Spicca il basso tasso di antropizzazione del Gargano, Tavoliere, Subappennino e Murgia; male il Salento. Si chiama Aci (Antropentropia comuni italiani) ed è un’idea no profit nata dalla community del Well-being (www.albanesi.it). Con il termine antropentropia si definisce il rapporto tra la superficie totale di un comune e la sua parte antropizzata, cioè quella occupata da strade, edifici, ferrovie. Il progetto ha attirato l’interesse di vari esperti italiani di web democracy e finora sono state rese disponibili le mappa dell’antropentropia di Lombardia, Puglia, Veneto, Trentino Alto Adige e Sardegna. I colori delle mappe vanno dal verde (buona situazione), al giallo (pericolo), fino al viola (problemi gravi per l’ambente) e al nero (degrado ormai irrecuperabile). “Aci dimostra che è possibile fare attivismo civico ecologista grazie agli strumenti e alla filosofia di internet. Dobbiamo costruire una memoria condivisa del territorio, per svelarne gli abusi. Non solo. Le città del futuro, per potersi definire smart, dovranno adottare modelli di partecipazione informata alla cosa pubblica. Reti sociali, open data e open government sono gli strumenti cardine”. (F. Cortiana). Come avviene nel progetto Aci, spesso viene sfruttato il fatto che alcune Regioni italiane dispongono di geodati open che descrivono il territorio in base a 400 categorie definite dal programma europeo Corine Land Cover e ne consentono acquisizione e uso senza oneri. Il problema è che, però, solo poche Regioni hanno questi dati a disposizione e dispongono di geodati con un

Leggi tutto »

“I principi del Monte Gargano” e l’anno 1027 in Puglia tra bizantini, longobardi e normanni

di Domenico S. Antonacci e Giampietro Piemontese Oggi vogliamo essere noiosi…e quando si uniscono un carpinese appassionato di storia e uno storico mattinatese (non nel senso di vecchio..) l’obiettivo si raggiunge facilmente. Parliamo di: The Principal Navigations, Voiages, Traffiques and Discoveries of the English Nation  Richard Hakluyt Richard Hakluyt, (Herefordshire, 1552 – Londra, 23 novembre 1616), è stato un geografo, traduttore, scrittore e religioso inglese. Le sue opere più famose sono Divers Voyages Touching the Discoverie of America (1582) e The Principal Navigations, Voiages, Traffiques and Discoueries of the English Nation pubblicato nel 1589 e riedito, dopo un considerevole ampliamento, tra il 1598 e il 1600, opera dalla quale trassero ispirazione e informazioni diversi scrittori dell’epoca tra i quali anche William Shakespeare. L’opera può essere considerata antesignana della letteratura di viaggio, ma questo non è l’unico primato di Hakluyt: a lui si deve infatti l’introduzione dell’uso del mappamondo nello studio della geografia nelle scuole britanniche. da wikipedia Cosa c’entra con questo blog? Nel suo scritto The Principal Navigations, Voiages, Traffiques and Discoueries of the English Nation c’è un passo che fa riferimento al Gargano; lo riportiamo interamente: A testimonie of certaine priuiledges obtained for the English and Danish Merchants of Conradus the Emperour and Iohn the Bishop of Rome by Canutus the King of England in his iourney to Rome, extracted out of a letter of his written vnto the Cleargie of England. Sit vobis notom quia magna congregatio nobilora in ipsa solemnitate Pascali, Romæ cum Domino Papa Ioanne, & imperatore Conrado erat, scilicet omnes principes gentium a monte Gargano, vsque ad istum proximum Mare: qui omnes me & honorifice suscepere, & magnificis donis honorauere. Maxime autem ab imperatore donis varijs & muneribus pretiosis honoratus sum, tam in vasis aureis & argenteis, quam in pallijs & vestibus valde pretiosis. Locutus

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.