Lucio Dalla: questa terra è unica, è un ponte per entrare nella tua anima

Lucio Dalla – manifestazione No Trivelle Termoli Questa è una delle tante sere ai piedi del Gargano, a Foggia, come mille altre volte o a Manfredonia o Mattinata, benedetta dal sole e dalla luce che ti riempie gli occhi ma non li ferisce, ma anche a Monte Sant’Angelo tra il fresco delle rocce e il respiro degli ulivi, fra case medievali della bianca dignità del tempo e della memoria rinnovata tra il gotico romanico e longobardo che vuole dire soprattutto pugliese. Pugliese dei miracoli, dei nomi e dei diavoli, del misticismo e della laica allegria del vento sempre complice e al servizio del pastore e dell’ulivo che suda il caldo dell’estate più bella, più blu di cielo e più bianca di luce che c’è. Io sono anni che vengo tra queste terre benedette e uniche, vengo perchè non so o perchè non ne posso fare a meno per quel misterioso gioco della memoria che analizza i ricordi, li trasporta nel presente, li rinnova e li cambia come fossero respiri dagli inizi secolari o che non si chiudono, non si concludono maiD e che mantengono croccante il pane che hai tagliato venti anni prima o non seccano mai quel vasetto di olive che la tata preparava e che tu non hai mai avuto il tempo di aprire. Sono appena le ventidue che decido di passare all’azione; prendo la macchina e, come faccio ogni volta, salgo da Manfredonia verso Mattinata fino a Monte, vado a vedere il Silenzio. Andrea Pazienza, ‘Linus’ n.6 (giugno 1983) E qui mi devo spiegare: appena passato il paese, prendendo la direzione San Giovanni Rotondo, si supera il bivio per Macchia e si imbocca il lungo rettilineo che porta al paese di Padre Pio, dopo un chilometro scarso, se è notte come questa notte e se il cielo

Leggi tutto »

Nuove ortofoto ad alta qualità del Gargano su Google Earth

Da qualche giorno sono disponibili nuove ortofoto dell’area evidenziata nella mappa qui sotto; le nuove immagini risalgono al periodo Giugno 2011 e comprendono principalmente il territorio dei comuni di San Marco in Lamis e Rignano Garganico. Visualizza Aggiornamento Febbraio ortofoto Google Earth Gargano in una mappa di dimensioni maggiori LEGGI ANCHE: Come sono cresciuti i comuni del Gargano  Cartografia Puglia online e rischio idrogeologico  Cartografia antica del Gargano  Monte Civita, un esempio di quanto può essere importante la cartografia

Leggi tutto »

Ischitella vuole valorizzare il suo patrimonio storico

Salvaguardia, documentazione, censimento, restauro e valorizzazione dei siti archeologici e dei beni storico culturali/cultuali della Puglia antica. Questi i nobili intenti alla base di un protocollo d’intesa tra Ente Parco Nazionale del Gargano, Comune di Ischitella e l’associazione culturale senza scopo di lucro ‘G.PR. Gruppo Ricerche Puglia”. L’accordo,  ha quali obiettivi specifici la tutela, conservazione, valorizzazione ed il riuso del patrimonio culturale e storico-insediativo di interesse regionale; l’arresto e/o il contenimento di fenomeni di progressivo degrado dei beni culturali; la promozione del turismo culturale; lo stimolo a sviluppare una nuova occupazione qualificata; rendere più largamente fruibile il patrimonio dei beni culturali mobili ed immobili, posti lungo itinerari turistico-culturali, che attendono una valorizzazione ed una destinazione che ne consenta la piena integrazione del territorio. In questo contesto il Comune di Ischitella e l’Ente Parco hanno evidenziato il reciproco interesse alla promozione e allo sviluppo del mondo dell’archeologia in genere, da intendere come importante risorsa per l’immagine della città e del territorio oltre che per l’economia e il turismo. “Il principale obiettivo del protocollo – spiega Pecorella – è lo sviluppo della ricerca archeologica come strumento indispensabile per l’educazione dell’opinione pubblica alla conoscenza, ma anche per l’indagine scientifica e la valorizzazione del patrimonio culturale. Ho voluto fortemente questo accordo di programma perché il territorio di Ischitella, come dimostrano le straordinarie scoperte degli ultimi anni, è una vera e propria miniera archeologica e culturale il cui prezioso patrimonio non può e non deve essere depredato o essere abbandonato in qualche oscuro stanzino; anzi queste ricchezze sono la linfa vitale per rimettere in moto l’economia locale e ad Ischitella ci sono amministratori, professionisti e ragazzi in grado di cambiare il corso della storia di quel pezzo di territorio inascoltato per troppo tempo ed abbandonato al proprio destino”. Nello specifico l’accordo consentirà soprattutto di promuovere

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.