Il 29 settembre torna il cammino micaelico Vieste – Monte Sant’Angelo

Monte Sant’ Angelo è celebre per il Santuario  di  San  Michele Arcangelo, meta sin dal V secolo di pelle-grinaggi.  La  storia  del  culto  di  S. Michele  sul Gargano è stata a noi tramandata dal Liber de apparitione  Sancti  Michaelis  in  monte  Gargano, chiamato per brevità Appari-tio, redatto tra la fine del sec. VIII e gli inizi del IX. In esso si parla  della consacrazione della  basilica  fatta personalmente dall’ Arcangelo;  si parla anche delle guarigioni operate da S. Michele per mezzo dell’acqua,  la  Stilla, che veniva  raccolta dallo  stillicidio  della  roccia.  Per raggiungere Monte Sant’ Angelo si percorre il  cammino dei Pellegrini  di  San  Michele,  inte-ressante  percorso  dalla  doppia valenza :  naturalistica  e  religiosa. Attraverso il Bosco di Vieste, Foresta  Umbra,  Piano  di  S. Martino,  Sferracavallo,  Piano Canale  e  Valle  Carbonara  si snoda l’antico tratturo che per secoli  è  stato  utilizzato  dai  Pellegrini  Micaelici e dai  pastori. I primi  lo utilizzavano  per  recarsi a Monte Sant’ Angelo per ono-rare  San  Michele  (  8  maggio  e 29  settembre  ),  i secondi  per raggiungere  le  periodiche  fiere di  bestiame.  La  storia  del  ripristino  di  questo  antico sentiero merita di essere raccontata : “Nel  dicembre  del  1994  a  Vieste, alla  presenza  di  Grazia  Francescato,  si  tenne  una  tavola  ro-tonda  sul  Parco  Nazionale  del Gargano. Al termine della manifestazione  i  Soci  della  locale  sezione WWF decisero di fare una passeggiata nella  Foresta  Umbra  e,  tra  una  chiacchiera e l’ altra, venne raggiunta la zona dell’ antico percorso che i Pellegrini  Micaelici  di  Vieste  utilizzavano per raggiungere Monte Sant’ Angelo. Grazia  Francescato,  incuriosita  dal fatto,  cominciò  a  chiedere  notizie  piùapprofondite  ed  alla  fine  del  racconto disse : “ Perché voi della Sezione WWF di Vieste non ripristinate questo antico pellegrinaggio  di  fede  Micaelica,  tra  i secolari boschi del Gargano ? “ L’ idea fu  subito 

Leggi tutto »

Le prospezioni petrolifere degli anni ’60 nel cuore del Gargano + foto

di Domenico Sergio Antonacci (10/09/2011) Restiamo in tema petrolio. Forse pochi di voi sanno che ci furono, decenni fa sul Gargano, ispezioni di profondità per verificare la presenza di olio,gas o petrolio. I territorio della Foresta Umbra (1964), Peschici (1962), Cagnano Varano (1982), Lesina, Chieuti, Serracapriola, Apricena e tanti altri furono perforati, cosa che avvenne anche sul Subappennino Daunio dove l’attività estrattiva è presente ancora oggi stabilmente. Fortunatamente i risultati delle ispezioni sul promontorio garganico furono tutti negativi ma io intanto sono riuscito a ritrovare le schede di quei sondaggi che contengono informazioni interessanti sulla geologia del nostro territorio: quelle prospezioni, infatti, furono molto importanti per conoscere quello che noi non vediamo (sotto di noi) e che oggi sappiamo. 1960, esplorazione petrolifera nel foggiano (Fonte www.pionierieni.it su segnalazione di Ena Servedio) La scheda che ho trovato più interessante è quella della Foresta umbra dove fu scavato un pozzo di 5km ritrovando scarse quantità di olio, moltissima acqua dolce (e chissà che grotte a quelle profondità!!)e tantissimi fossili (essendo il Gargano un massiccio di roccia calcarea non c’è da stupirsi); è curioso leggere anche dei problemi tecnici che si ebbero nei vari scavi: ho ritrovato due casi nei quali le punte perforatrici sono state lasciate a centinaia di metri di profondità per essersi incastrate. Di seguito i link ai download di  alcune delle schede della provincia di Foggia: Foresta Umbra Peschici Pozzo Tremiti San Nicandro San Nicandro 2 San Severo Serracapriola Cagnano Cagnano 2 Termoli Ricordate di condividere i post del blog che vi piacciono, un saluto! Domenico S. Antonacci Aggiornamento: mi segnalano di carotaggi a Vieste in località Cisco; non ho trovato documentazione a riguardo

Leggi tutto »

Su Amara terra mia arriva la Petrolmap

Da oggi Amara terra mia ha una nuova sezione denominata Petrolmap, una mappa con tutte le piattaforme di olio e gas attualmente presenti nel mare Adriatico (e non solo); l’idea mi è stata suggerita da Annika Patregnani della Rete di associazioni contro le trivellazioni petrolifere. Ho inserito anche informazioni sulle istanze di permesso che tanto fanno discutere nell’ultimo periodo…insomma, un riepilogo completo su chi volesse informarsi a 360° sulle piattaforme passate, presenti e future nel nostro mare. Per accedere alla nuova pagina cliccate sull’ultimo tab sotto al titolo del blog oppure direttamente QUI. Sono ben accetti, come sempre, suggerimenti, critiche e vostri pareri. Ricordiamo che è in atto una petizione per l’Adriatico patrimonio mondiale Unesco

Leggi tutto »

Presentazione film su Matteo Salvatore 14 settembre – Manfredonia

Serata di gala il prossimo 14 settembre a Manfredonia in piazza Papa Giovanni XXIII dove verrà presentato in anteprima il nuovo film musicale prodotto da Marcello Corvino (grande produttore dei successi teatrali di Marco Travaglio e Corrado Augias) dal titolo ‘Il bene mio’, ispirato alla vita artistica del cantante folk Matteo Salvatore. Il film vede un cast strepitoso: Lucio Dalla, Vinicio Capossela, Lunetta Savino, Teresa De Sio, Nicola Di Bari, Renzo Arbore, Moni Ovadia, Er ed Erica Mou, la nuova musa della musica d’autore italiana. La regia sarà del margheritano Cosimo Damiano Damato. Molti di questi artisti mercoledì 14 settembre sono attesi a Manfredonia insieme a Marcello Corvino. Saverio Serlenga da ondaradio.info

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.