La Puglia e i suoi dialetti

I dialetti della Puglia centro-settentrionale rientrano nel gruppo napoletano-barese dell’area meridionale intermedia, mentre i dialetti salentini appartengono, con i dialetti della Calabria centro-meridionale e della Sicilia, all’area indicata come meridionale estrema. Ciò è giustificato da ragioni di geografia fisica (il confine delle Murge baresi) e da motivazioni di carattere storico-linguistico: mentre al nord (Capitanata e Terra di Bari) gli Iapigi furono sopraffatti dai Sanniti (popolazione appenninica di lingua osca), che spazzarono, o quasi, l’antica civiltà illirica (non ne restano che labili tracce), al sud furono i Bizantini ad avere la supremazia economica e culturale sui Messapi. In Puglia, quindi, coesistono due realtà linguistiche entrambe derivanti dal latino, ma tanto dissimili, che i parlanti della prima stentano a capire quelli della seconda, e viceversa. La differenza che subito salta agli occhi è il dileguo di molte vocali atone nella cosiddetta e “muta”, proprio dei dialetti apuli (fəliscənə ‘fuliggine’, mènələ ‘mandorla’, pəccənunnə ‘piccolo’, dəmènəchə ‘domenica’), e la conservazione, per contro, di suoni distinti nel Salento meridionale (spamicatu ‘affamato’, catina ‘catena’, murisciu ‘meriggio’, otalaru ‘vortice’). Continua qui

Leggi tutto »

Viaggiando in treno sul Gargano….

da ariannaeditrice.it   “In Viaggio, il primo giorno ci si chiede perché si è partiti, chi ce l’ha fatto fare. I giorni successivi, ci si domanda come si farà a tornare indietro.” Sylvain Tesson: “Baku, elogio dell’energia vagabonda” – Excelsior 1881 Cari Amici, sono certo che tutti conoscerete il Promontorio del Gargano, il cosiddetto “Sperone d’Italia” (sito all’interno del Parco nazionale del Gargano (http://www.parcogargano.it/) che si protende per 70 km nel Mare Adriatico dando origine al Golfo di Manfredonia. Ecco, oggi vi propongo un modo comodo ed ecologico per raggiungere i magnifici paesi della Costa Garganica: La Linea Ferroviaria San Severo – Rodi Garganico – Peschici Calenella. Oggi questa linea ferroviaria tra le più suggestive d’Italia, costruita nel 1931, è gestita dalla società Ferrovie del Gargano (http://www.ferroviedelgargano.com/) che gestisce efficientemente anche le autolinee locali della provincia di Foggia unitamente ad alcune linee interregionali a lungo raggio. Quando, anni addietro, ho scoperto questa strada ferrata non credevo ai miei occhi e come faccio sempre, sono andato a verificare di persona. La linea parte dalla Stazione Ferroviaria di San Severo (FG). Il binario della Ferrovia del Gargano è all’interno della stazione ferroviaria di Trenitalia, il che rende più comodo prendere i treni per il Gargano, soprattutto per i passeggeri (Trenitalia) in transito sulla Linea Adriatica. Prima annotazione: il biglietto ferroviario da San Severo a Peschici Calenella deve essere acquistato presso l’edicola della stazione. Il costo del biglietto di sola andata è di 4.60 euro. Dal momento che il capolinea della strada ferrata è in prossimità della spiaggia di Calenella, ma il magnifico borgo marinaro di Peschici dista circa 6 Km, vi suggerisco di acquistare alla partenza, presso la stessa edicola, anche il biglietto per il servizio navetta che vi porterà in cima al paese di Peschici. In servizio ci sono sia Automotrici

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.