Sul terzo numero di aaa jaco news si parla di rifiuti e nuove strategie per affrontare il problema

Questo terzo numero di aaa jaconews affronta un problema attualmente molto discusso nelle nostre comunità: la gestione dei rifiuti solidi urbani. A dire  il  vero  la  questione  ha  assunto non solo un carattere locale ma nazionale. Napoli docet.Uno studio di ricerca approfondito ha portato alla nostra attenzione un progetto  che  incontra  il  favore  di  molti studiosi  dell’ambiente  e  di  molte  realtà territoriali che, nel mondo, sono in lotta contro la crescente ed insopportabile produzione di rifiuti urbani. Iniziata intorno alla fine degli anni 90, in pratica all’inizio del 3° millennio, la battaglia definita nel mondo anglosassone  “Zero  Waste”, ossia Zero Rifiuti, ha già portato ad ottenere confortanti  successi.Scopo del nostro artricolo è quello di portare  all’attenzione  del  lettore  il problema dei rifiuti nel suo complesso,  di  spiegare  quali  sono  al  momento  le  tecniche  per  combatterlo  (dove esercitate con efficienza), quali sono comunque gli aspetti negativi e nocivi per l’ambiente. Nella seconda parte presenteremo invece il progetto Zero Rifiuti. Cercheremo di far comprendere che è una  pratica  percorribile,  sebbene  richieda la partecipazione attiva e fattiva di vari settori della nostra società .Alla fine speriamo che il lettore condivida l’entusiasmo che il progetto ha destato in noi e il cui fascino può riassumersi così: raggiungere il target Zero Rifiuti sarà utile alla nostra salute, all’ambiente e alle nostre tasche Continua la lettura qui

Leggi tutto »

Il fenomeno del “geocaching” anche sul Gargano

Il geocaching è un gioco diffusosi contemporaneamente alla diffusione su larga scala di apparecchi GPS. Il termine geocaching è un anglismo che si colloca tra la caccia al tesoro high-tech e la corsa d’orientamento. Il geocaching è un gioco di divertimento e di avventura per persone di ogni età. Grazie al supporto di un dispositivo GPS e un insieme di coordinate reperibili su Internet (www.geocaching.com, il sito ufficiale del gioco) che indicano il luogo esatto del nascondiglio (tesoro), i geocacher attraversano i paesi, GPS alla mano, alla ricerca di misteriosi tesori sepolti in geo-nascondigli, precedentemente installati da altri geocacher. Una volta trovato, il nascondiglio può formare una grande varietà di ricompense o di sorprese. Un geo-nascondiglio tipico è costituito da un piccolo contenitore impermeabile che comprende un registro delle visite e uno o più tesori, in genere di poco valore (fonte e altre info). Navigando sul sito ufficiale del gioco si può esplorare l’archivio dei nascondigli passati e presenti e con mia sorpresa ho trovato diversi nascondigli sul Gargano Vieste Vieste 2 Vieste 3 Vieste 4 Mattinata Mattinata 2 Isola di San Nicola Faro di San Domino   Foresta Umbra Torrente Romondato Abbazia di Kalena Abbazia di Monte Sacro Abbazia di Pulsano Nelle singole schede trovate indicazioni geografiche sul punto dove è stato nascosto il “tesoro”, un indicatore di difficoltà e target tipo del tesoro, servizi che è possibile trovare in zona, foto del luogo e brevi descrizioni storiche ed ambientali sul luogo. Ovviamente i giocatori nella maggior parte dei casi sono stranieri, di lingua tedesca o inglese. Succede, a volte (come si legge in alcuni commenti dei link sopra), che i tesori non vengono trovati (trovati e rimossi da altre persone che li credono normale spazzatura); per farvi un’idea dei nascondigli ecco delle foto: La riflessione che faccio è

Leggi tutto »

Discariche di Manfredonia: dall’emergenza all’eccellenza

Fonte siponto.blogspot.com Nel seguente video prodotto da Never Before Italia, vengono raccontate tutte le fasi di processo per la messa in sicurezza delle discariche (ex-cave) di Manfredonia, Pariti Liquami, conte di Troia e Pariti1, un progetto di bonifica unico in Italia oggetto di un Workshop all’Università di Bari, con la presenza del Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo. Ministro, stop alle trivellazioni!

Leggi tutto »

IL PROGRAMMA COMPLETO CARPINO FOLK FESTIVAL H2O 2011

 Tutti gli eventi del festival della musica popolare e delle sue contaminazioni sono ad ingresso libero. IV Edizione del Concorso Fotografico – Premio Rocco Draicchio Dal 04 al 09 Agosto “Cattura l’Intangible Cultural Heritage!” UN FESTIVAL CHE COINVOLGE IL TERRITORIO Martedì 12 luglio 2011 Ore 21,30 Anteprima del Carpino Folk Festival a Marina di Peschici ALMAMEGRETTA “1991-2011: venti anni di dub!” Domenica 24 luglio 2011 Ore 21,30 Cagnano Varano a cura delle Ferrovie del Gargano Presentazione progetto PUGLIA BITE Mercoledì 10 agosto 2011 Ore 21,30 “Il suono della terra” – Prolungamento del Carpino Folk Festival a Serracapriola CANZONIERE GRECANICO SALENTINO “Focu d’amore” CANTORI di CARPINO “Stile, storia e musica alla Carpinese” CARPINO FOLK FESTIVAL H20 … è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è principio e fine Giovedì 04 Agosto 2011 Ore 21,00 Largo San Nicola – Carpino ETTORE CASTAGNA con L’amici du Funarra Musica per Lira dalla Calabria Greca Gli AMARIMAI Arpa, violino, zampogna e ciaramella di Viggiano Venerdì 05 Agosto 2011 Ore 21,00 Largo San Nicola – Carpino Presentazione Libro V. Santoro “Memorie della terra”. Racconti e canti di lavoro e di lotta del Salento” Presentazione del Cd raccolta “Canti e suoni della tradizione di Carpino” a cura di Pio Gravina ed Enrico Noviello Concerto dimostrazione cantori tradizionale di Carpino La Notte di Chi Ruba Donne Sabato 06 Agosto 2011 Ore 21,00 Largo San Nicola – Carpino CALATIA ENSAMBLE Il mandolino nella tradizione Popolare Campana dalla posteggia alla tarantella PINO PONTUALI Il repertorio tradizionale per organetto dell’Italia centrale CARPINO FOLK FESTIVAL H20 … è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è principio e fine Lunedì 07 Agosto 2011 Ore 22,00 Piazza del Popolo – Carpino LUCA BASSANESE & PICCOLA ORCHESTRA

Leggi tutto »

Manifestazione a Capojale per la sicurezza stradale

È stata un successo la manifestazione per la sicurezza stradale che si è svolta nella mattinata del 10 Luglio 2011 a Capojale, frazione del Comune di Cagnano Varano. Indetta dall’Associazione Isola Capojale, impegnata nella promozione e nella valorizzazione del territorio delle località di Capojale e Isola Varano, insieme al movimento Fare Agorà di giovani cagnanesi, la manifestazione è stata la forma di protesta della comunità locale contro la mancata risposta dell’amministrazione provinciale in riferimento allo stato di degrado della SP 41, denunciato già da tempo dagli stessi rappresentanti dell’Associazione, con alcune lettere inviate all’Assessorato competente della Provincia di Foggia. In quelle occasioni era stato richiesto un intervento urgente per porre fine alla situazione di costante pericolo in cui versano gli abitanti delle località interessate, con proposte concrete, tra le quali l’installazione di dossi artificiali e la verniciatura di strisce di attraversamento pedonale nei pressi del centro abitato. Di fronte al silenzio dell’Amministrazione Provinciale, i cittadini hanno così deciso di far sentire la loro voce: per la prima volta la comunità di Cagnano Varano e Capojale si è mobilitata pubblicamente per difendere i propri diritti: “Non ci stiamo a essere considerati cittadini di serie B – queste le dichiarazioni di uno degli organizzatori – A dispetto del grande caldo e della domenica estiva siamo in tanti oggi a voler dare un segnale importante a chi dovrebbe avere a cuore la sicurezza dei cittadini, ma che nonostante le nostre continue preoccupazioni continua a tacere”. Alla presenza di quattro rappresentanti dell’Amministrazione del Comune di Cagnano Varano, tra cui il sindaco Nicola Tavaglione, il corteo ha percorso un tratto della SP 41, raggiungendo il piazzale del molo di Levante. Al termine della manifestazione, si è tenuto un breve dibattito sul tema della viabilità, fino ad arrivare alla questione del degrado ambientale della pineta, della

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.