Quando Lucera era dei Saraceni..le ultime tracce della loro presenza

Foto gentilmente concessa da Enzo Olivieri Tra il 1224 ed il 1246 l’imperatore svevo Federico II fece deportare una colonia di saraceni stanziatisi in Sicilia a Lucera, Stornara, e Castelluccio dei Sauri (all’epoca Girofalco) per smorzarne il potere che andava aumentando sull’isola (Agrigento era divenuta una vera e propria roccaforte saracena). Ben presto i musulmani lucerini diventarono fedelissimi degli Svevi, tanto da costituire la guardie del corpo reale, versarono sangue per loro in Siria, Lombardia, Umbria, Marche, Abruzzi, Lazio. Morto Federico II, suo figlio Manfredi continuò a utilizzare i saraceni ma dopo 80 di anni di permanenza, con la discesa di Carlo d’Angiò in Italia, furono tutti scacciati, uccisi o resi schiavi…Lucera delli Pagani, come veniva chiamata al tempo, tornò ad essere una “normale” città del Regno di Sicilia. Ancora oggi, a distanza di quasi 900 anni, resta qualche segno della presenza dei 20.000 saraceni (stimati) che, nella città della Capitanata, costruirono moschee ed altre architetture tipiche della cultura islamica….ecco qualche foto che lo testimonia: Foto gentilmente concessa da Enzo Olivieri Foto di Domenico Sergio Antonacci Leggi anche: Lucera dei pagani Anche a Foggia i saraceni ?

Leggi tutto »

Il Ministro della Cultura vuole chiudere le sovrintendenze al paesaggio ed all’architettura di mezza Puglia

La risposta dell’Assessore alla Qualità del Territorio (Assetto del Territorio, Paesaggio, Aree Protette e Beni Culturali, Urbanistica, Politiche abitative: Oggetto: Soppressione della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le province di Lecce, Brindisi e Taranto. Illustre Ministro, a seguito di notizie pubblicate dalla stampa locale in merito alla possibile decisione disopprimere la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le province di Lecce, Brindisi e Taranto per iniziativa di codesto Ministero, e alla conseguente mobilitazione di autorevoli esponenti delle istituzioni locali e della società civile, la Giunta regionale della Puglia è stata impegnata da un ordine del giorno votato all’unanimità dal Consiglio regionale il 28 giugno u.s. a porre in essere tutte le iniziative idonee a scongiurare tale eventualità. Merita rimarcare che la presenza a Lecce di una sede della Soprintendenza è da considerarsi irrinunciabile per diverse ragioni: la ricchezza dei valori culturali e paesaggistici che si addensano nella terra salentina, l’accentuata articolazione del sistema insediativo e la capillare diffusione dei beni, la crescente consapevolezza locale dell’importanza strategica della conservazione di detti valori per uno sviluppo sostenibile e durevole del territorio e il conseguente incremento degli interventi di recupero del patrimonio. Da queste premesse consegue la necessità di muovere in direzione opposta rispetto a quella paventata, non solo mantenendo a Lecce la sede della Soprintendenza ma anche rafforzandola mediante l’inserimento di nuove qualificate professionalità, al fine di assicurare il migliore svolgimento delle attività di tutela e valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico alle quali essa è deputata. Altrettanto evidente è che la collaborazione in materia tra Stato e Regione, nel rispetto delle rispettive competenze, sancita peraltro dagli artt. 5 e 112 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, non può esplicarsi efficacemente in assenza del supporto tecnico-scientifico fornito dalle sedi periferiche del Ministero per i Beni

Leggi tutto »

Molti vanno a mare a Foce Varano…ma pochi sanno che…

…nella zona, nel 1884, fu ritrovata una vasta necropoli (circa 100 tombe del periodo tardoromano) e ruderi con pavimenti a mosaico. Sembra incredibile…ma è vero..ora tutto giace sotto terra..anzi sotto la sabbia! Pensate a cosa potrebbe significare valorizzare una scoperta del genere in una località turistica ormai monotona (e ricca di altri tesori archeologici disseminati nelle campagne e sconosciuti anche ai proprietari dei terreni stessi)…questa è l’Italia!

Leggi tutto »

Quello che non colsi 2….carrellata di link interessanti sul Gargano

Ecco alcune notizie interessanti della settimana scorsa: Intervista a Moira Orfei su San Pio AAA Cercasi direttore del Parco Nazionale del Gargano A Rodi G.co dall’anno prossimo tassa sul soggiorno La situazione d’emergenza della Regia Masseria Giardino Riformulazione del regolamento dei Sistemi Turistici Locali Estate in torre, a Pietramontecorvino

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.