Rifiuti e discariche di gomme, elettrodomestici e auto rubate (Vieste, San Marco in Lamis, Lago di Varano)

Abbiamo pubblicato varie volte foto di discariche trovate qua e là durante le escursioni sul Gargano. A volte spuntano come funghi, altre sono stabilmente utilizzate dai bifolchi per i propri affari (leciti o meno). Questa volta “viaggiamo” a Vieste, San Marco in Lamis e il Lago di Varano. La discarica di gomme (e plastica ed ethernit) si trova in contrada Fara del Falco/Cutino del Rospo, tra Mandrione e la Foresta Umbra (precisamente qui), zona poco frequentata e ben accessibile da una comoda strada asfaltata. Per queste due carcasse di auto (probabilmente rubate) ci dobbiamo spostare a San Marco in Lamis, lungo la prima salita sul promontorio del Gargano della Via Francigena verso Monte Sant’Angelo. Si tratta di una Defender presente qui da molto tempo e di una nuova Panda presente sul posto solo da qualche mese probabilmente (posizione della Panda, la macchia bianca si vede anche da satellite). Una degna accoglienza della Montagna Sacra a turisti pellegrini e camminatori? Certamente no. Sono state inviate segnalazioni ai Carabinieri Forestali. Segnaliamo e non giriamo la testa! E ci hanno inviato anche questa foto fresca dal Lago di Varano, sponde nord in zona Beny.

Leggi tutto »

Progetto di recupero della decauville in Foresta Umbra per fini turistici

“Il progetto si prefigge di ripristinare un tratto della ferrovia Decauville, utilizzata all’inizio del secolo scorso per trasportare i tronchi dalla foresta Umbra alla segheria Mandrione nel comune di Vieste. Lo scopo del progetto è quello di offrire un nuovo servizio tramite tratta ferroviaria per collegare aree all’interno della foresta Umbra fruibile dai visitatori.” Altra documentazione Leggi anche Il treno turistico della Foresta Umbra

Leggi tutto »

Aperte le iscrizioni al corso gratuito “Un’impresa per A.M.I.C.A.”

Laboratori di manualità ed esperienziali/cantieri; formazione; attività di sensibilizzazione; forum partecipati; workshop e stage. Il fulcro operativo del progetto sarà l’hub di innovazione e di sviluppo tecnologico, che rappresenta uno stimolo aggiuntivo per le nuove generazioni, al fine di favorire un approccio pragmatico e non solo teorico al mondo del lavoro, in un’ottica di responsabilizzazione e di formazione socio-educativa. Il percorso è rivolto a giovani in età indicativa dai 14 ai 18 anni per attività di inclusione sociale e valorizzazione della socializzazione nel percorso formativo e scolastico. I richiedenti devono essere residenti nei Comuni partner di progetto e dell’ambito territoriale (Comune di Manfredonia, Foggia, Stornara, Stornarella, Ordona, Ortanova, Carapelle, Mattinata, Monte Sant’Angelo e Zapponeta). Sviluppo aggregativo, socializzazione virtuosa e animazione socio-educativa saranno i punti focali del progetto: verranno attuati percorsi cognitivi per la creazione di una impresa sociale. Il progetto si terrà su 3 annualità. Modalità utilizzata: learning by doing – Creazione di una filiera della legalità economica e sociale (con contributo di riconosciute e specializzate professionalità), di un circolo virtuoso fatto di best practices che faccia da innovativo modello di sviluppo del territorio. Nello specifico, si richiamano lo Youth Work e l’animazione socio-educativa quale pratica di lavoro con i giovani, al fine di creare un’economia basata sulla conoscenza, sull’istruzione, sull’innovazione, sull’adattabilità, su mercati del lavoro inclusivi e sul coinvolgimento attivo nella società. Le attività socio/culturali ed educative devono consentire ai giovani di sfruttare le loro potenzialità, garantendo l’accesso ai servizi di cui hanno bisogno. Verrà creato un modello formativo e operativo, che consenta di sviluppare il capitale umano e rafforzare quello sociale. Scopri di più

Leggi tutto »

La storia di Miriam: “Sono tornata al Sud per coltivare i bachi da seta”

 Erano rimasti tre ettari di terra abbandonati e un museo chiuso da tempo. Circa 3500 piante di gelso che ricordavano un passato di gelsibachicoltura glorioso. Miriam Pugliese, cresciuta nel nord Italia ma di origine calabrese, è voluta tornare lì tra quei terreni di San Floro, in provincia di Catanzaro, per rilanciare un’antica tradizione e creare una filiera virtuosa che oggi dà lavoro a 15 persone.

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.