Nasce l’associazione “Monte Sant’Angelo Francigena”

La Via Francigena attraversa l’intera Nazione, raccogliendo un patrimonio materiale e immateriale inestimabile reperibile in una delle tappe principali come quella di Monte Sant’Angelo, all’incrocio tra la Via Micaelica e i Cammini dei Longobardi. Il suo brand europeo di turismo culturale, sostenibile e economicamente rilevante arricchisce l’Italia e soprattutto il Mezzogiorno straordinariamente colmo di cultura, tradizioni, talenti. Nasce così l’Associazione “Monte Sant’Angelo Francigena”, un sodalizio che muove in questi giorni i primi passi nella direzione di abbracciare il grande Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa e diventare nodo locale della Rete regionale che si va realizzando attorno alle “Vie Francigene di Puglia”. “Crediamo che la nostra città avesse soltanto bisogno di un primo passo per mettersi in cammino”, spiega il presidente Matteo Rinaldi. “La costruzione stessa delle Vie Francigene, nelle migliori prassi, è un fenomeno che parte dal basso, dalle energie migliori dei territori e dai giovani”.“Chiunque intuisca il portato straordinario del Cammino non può rimanere fermo” – prosegue – “e quindi desideriamo che la nuova Associazione sia aperta e accogliente: un luogo di confronto per chiunque desideri partecipare attivamente, senza pregiudizi o preclusioni di sorta.” Il legame del Pellegrino con la sacralità di un luogo come Monte Sant’Angelo ha attribuito

Leggi tutto »

Gli abiti della pacchiana di San Nicandro Garganico in mostra all’Esposizione universale di Parigi del 1867

di Domenico Sergio Antonacci Il titolo è chiaro ed esaudiente. La fonte della notizia è “Su la Esposizione provinciale di Capitanata del 1869 relazione, giudizio, promulgazione de’ premiati”, a cura della Reale Società Economica di Capitanata. La pacchiana era la contadina caratterizzata dal tipico abito del tempo; nella tradizione sannicandrese, tuttavia, l’abito è ornato riccamente di gioielli d’oro. Fu scelto per essere esposto all’esposizione universale di Parigi, probabilmente per l’edizione del 1867, insieme al costume di Bovino e Sant’Agata di Puglia.  Questa “scoperta” deve riempire d’orgoglio i sannicandresi e i garganici perché Parigi all’epoca era una delle capitali mondiali della cultura…chissà quali famosi personaggi potettero ammirare la maestria delle sarte garganiche. Abito della pacchiana: fonte Facebook (Le bellezze del Gargano) Altre informazioni sul vestito tradizionale qui Immagini dell’abito tradizionale della pacchiana Aggiornamento: Come si evince da questo documento in quell’anno a Parigi erano in esposizione anche diversi “marmi” provenienti dal Gargano. Chi ne sapesse di più è pregato di contattarmi su info@amaraterra.com.

Leggi tutto »

VIDEO: “Non voglio parlare della guerra”, le testimonianze sotto le bombe di Foggia

Il video “Non voglio parlare della guerra” è la nuova edizione, rimontata e rivista dall’autore, del video realizzato nel 2013 per il progetto “Testimoni della memoria” del Ce.Se.Vo.Ca. (Centro Servizi per il Volontariato di Capitanata). Il video racconta dalla viva voce di tre testimoni diretti dell’epoca, Mario Napolitano, Arnaldo De Cristofaro e Mario Muscatiello, attraverso ricordi personali e familiari, la guerra a Foggia nell’estate del ’43 e l’effetto dei bombardamenti alleati sulla città. Le interviste sono state realizzate grazie alla collaborazione dell’AUSER di Foggia (Associazione per l’Autogestione dei Servizi e la Solidarietà). Riprese e montaggio: Giovanni Rinaldi

Leggi tutto »

C’è chi coltiva fichi d’india (o quasi)

Che poi in realtà non sono nemmeno fichi d’india ma rappresentano una forma di biodiversità del lontano Messico e naturalizzata in Italia dove cresce nella Puglia più estrema; in minuscoli appezzamenti di terra rossa vicini al mare, nel parco regionale Costa Otranto/Santa Maria di Leuca/Boschetto di Tricase, nella macchia incontaminata tra lentisco e mirto, orchidee spontanee e scilla marina Titti Divìccaro, per metà foggiana, coltiva esemplari del piccolo fico d’India (Opuntia dillenii) il cui raccolto dei fichi gli permette una produzione di nicchia di confetture-extra e mostarda naturali e senza conservanti che rende la Puglia unica in questo genere di valorizzazione. I piccoli fichi freschi ,aciduli e gelatinosi, completamente diversi da quelli del Fico d’India classico, (Opuntia ficus.indica) sono apprezzatissimi all’estero e ricchissimi di antiossidanti,vitamina C e sali minerali. Per chi volesse saperne di più: Non tutte le “aliene” vengono per nuocere  Il racconto di una passione per Opuntia dillenii

Leggi tutto »

Sta terrë

Sta Terrë Sta terrë chiagnë Dë famë e dë bbëllezzë Sta terrë zë perdë Nda nu munnë antichë Sta terrë parlë A tuttë quantë Chë na vocë ca në sapimë Sta terrë camminë Chianë chianë Senza fa rrëmorë Sta terrë portë nzinë Tuttë sti sciurë Comë quann’ ddret’ a neglijë Zë nasconn’ u solë. di Teodoro de Cesare (Casalnuovo Monterotaro)

Leggi tutto »

Vendita del pesce 2.0: dal peschereccio al consumatore via Whatsapp

Queste buone prassi saranno premiate, tra i 40 progetti supportati dall’Asse IV, durante l’evento finale FARNET a marzo 2015, organizzato dalla DG MARE della Comunità Europea. Grandissimo riconoscimento per i pescatori della marineria molfettese del GAC “Terre di MARE”. Le buone prassi per favorire la vendita diretta del pescato (attività proposta dalla “Facchini Pesca sas”) con consegna a domicilio, sono un positivo messaggio di pesca sostenibile e di consumo responsabile. Leggi tutto su Gac Lagune del Gargano  

Leggi tutto »

Discarica di Giardinetto (Troia), assolti i responsabili

25/01/2015 – A Giardinetto (Foggia) c’è una enorme discarica di rifiuti industriali posta sotto sequestro dal ’99. I medici di base della zona registrano da tempo una mortalità per tumori allarmante. Soltanto in questi giorni, nove anni dopo il sequestro, nei capannoni dell’impianto sono iniziate le analisi delle sostanze tossiche che sono arrivate da tutto il mondo. Emesso il dispositivo di sentenza relativo al Processo Giardinetto presso l’ex Tribunale di Lucera, leggi qui Siamo al 2019 e ancora nessuna bonifica!

Leggi tutto »

Cinque lupi trovati morti in Puglia. Cosa sapere sul lupo e come difendere le greggi

di Eva Signorile da barinedita.it BARI – Lo avevamo detto qualche mese fa: i lupi sono tornati in Puglia. Ma alle tracce del “principe dei predatori”, negli ultimi tempi si sono aggiunte delle prove ben più evidenti: cinque lupi morti sono stati ritrovati tra novembre e dicembre nel Parco dell’Alta Murgia e due nel Parco del Gargano. E due di questi animali sono quasi certamente morti per colpi di arma da fuoco (vedi foto). Nel frattempo aumentano le segnalazioni di avvistamenti: l’ultimo risale al 12 gennaio scorso, nel territorio di Martina Franca, episodio che ha destato un certo allarme fra i cittadini. C’è quindi qualcuno che ha paura o è nemico del lupo “cattivo”? Ma poi quanto è veramente cattivo questo caninide che, ricordiamo, è protetto da normative europee e nazionali che prevedono multe salate e persino l’arresto per chi gli fa del male? Ne parliamo con Lorenzo Gaudiano, esperto faunista dell’Università di Bari.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà. Quanti lupi ci sono in Puglia? Dagli studi che abbiamo condotto nell’ultimo biennio, abbiamo contato quattro-cinque nuclei nel Parco del Gargano e due nuclei sull’Alta Murgia. Ogni gruppo conta mediamente 4-5 animali, quindi parliamo di una trentina di

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.