PROGRAMMA CARPINO FOLK FESTIVAL 2017

PROGRAMMA CARPINO FOLK FESTIVAL 2017 – XXII EDIZIONE Il Festival della musica popolare e delle sue contaminazioni  CARPINO – GARGANO – PUGLIA  5 – 10 Agosto | Laboratori Musicali Lezioni pratiche/teoriche in contesti non formali in cui vengono esplorate le caratteristiche della musica e del ballo tradizionale e la conoscenza degli strumenti musicali usati dai cantori. 5 – 10 Agosto | Concorso Videomaker Con la forza comunicativa di brevi docufilm dar luce alla diversità delle bellezze storico-culturali e delle tradizioni del territorio garganico. 5 – 8 Agosto | Escursioni nel sottosuolo Un calendario di escursioni realizzato in collaborazione con i gruppi speleologici del Gargano per scoprire alcune delle cavità più significative di questo territorio, provando l’esperienza dello stretto rapporto con il sottosuolo e con la natura. 5 Agosto CANTAR VIAGGIANDO – Un viaggio slow a bordo dei treni delle Ferrovie del Gargano, tratta Foggia – Peschici Calenella. Musica, teatro, danza e narrazione con: Morsilli Michele, Geologo e Professore presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Ferrara. Matteo Pelorosso, Geologo. Michele Villetti, Batterista, percussionista e compositore.  PAESAGGI SONORI – Camminando…raccontando il paesaggio attraverso la musica, la danza la letteratura il teatro. Visita guidata nella necropoli di Monte Pucci, Vico del Gargano  “E-MAGO, i suoni della terra”. Il primo spettacolo scientifico-musicale dove i musicisti improvvisano direttamente con le frequenze emesse dalla Terra. Attraverso la tecnologia usata per le indagini geofisiche del territorio, è possibile trasformare i dati geofisici in frequenze musicali.   Matteo Pelorosso: geologo Stefano Floris: geom. specialista acquisizione di dati geofici mediante tecniche EM Michele Empler:  Network Systems engineer – sonificazione dei dati geofisici Riccardo Scorzino: sound engineer: sistema elettronico dei pedali per alimentazione Michele Villetti: ideatore progetto EMAGO, percussionista e compositore 6 Agosto CANTAR VIAGGIANDO – Un viaggio slow a bordo dei treni delle Ferrovie del Gargano,

Leggi tutto »

Castel del Monte, conosciamolo, davvero e senza fantasiose teorie

In una collina dell’altopiano delle Murge Occidentali, a 540 metri sul livello del mare, si erge un gioiello dell’architettura militare medievale, Castel del Monte. Il castello venne costruito per volontà dell’imperatore Federico II di Svevia, sovrano illuminato e condottiero valoroso. La storia di Castel del Monte ha inizio nel 1240, anno in cui Federico II incaricò Riccardo da Montefuscolo, Giustiziere di Capitanata, di edificare un castello presso la chiesa di Sancta Maria de Monte. Nel 1996 l’unicità di Castel Del Monte è stata premiata dall’Unesco con l’inclusione nella lista dei Patrimoni dell’Umanità. La perfezione formale e l’armoniosa miscela di elementi culturali sono stati i motivi alla base di una scelta volta a preservare e promuovere nei secoli a venire questo capolavoro del genio federiciano.

Leggi tutto »

Un artista soldato a Rodi Garganico nel 1944?

Giuliano Parviero ha scovato a Londra questi (e altri) fantastici acquerelli del 1944 raffiguranti Rodi Garganico, disegnati da Clarence Norman Barlow, nato a Londra nel 1909 e morto nel 1986. Cosa c fa un’artista durante la guerra sul Gargano, a poca distanza da Foggia, centro nevralgico per laviazione alleata? Era un soldato inglese? Non siamo riusciti ancora a trovarlo negli elenchi. Clarence Norman Barlow (1909–1986) was a London born artist who was educated in Switzerland. He studied drawing and painting at Heatherleys School of Art where he was a pupil of Roger Gray RWS. Between 1925 and 1945 he was a prolific painter in England, Denmark, Switzerland and frequently in Itality, including Venice. Barlow was an admirer and friend of Philip Wilson Steer (1860–1942) who made a big influence on his painting

Leggi tutto »

Bandi regione Puglia cultura: 100 milioni di euro per comuni e gestori di luoghi di cultura

La cultura come leva strategica di uno sviluppo incentrato sulla produzione di ricchezza durevole in cui le risorse pubbliche sono investite a favore del benessere collettivo e dell’occupazione. In quest’ottica il patrimonio culturale, materiale e immateriale, rappresenta un potenziale incredibile per il territorio regionale. SMART-IN è la strategia regionale per il rilancio del patrimonio culturale che punta a garantire la valorizzazione, la fruizione e il restauro dei beni culturali di Puglia. Un unico grande bando pubblico che, con una dotazione di 100 milioni di euro, si snocciola in quattro macro aree: Community Library, Laboratori di Fruizione, Teatri Storici, Empori della creatività. Già da domani, Enti locali, istituzioni scolastiche e universitarie, proprietari di istituti e luoghi di cultura, soggetti gestori pubblici e/o privati senza scopo di lucro, potranno presentare i primi progetti di investimento per la realizzazione di “Community Library”. Si tratta biblioteche di comunità, capaci di restituire ai cittadini l’essenza vera dei territori pugliesi, quella capacità di aggregare e innovare diffondendo, al contempo, la conoscenza e la promozione della lettura per recuperare un gap che oggi vede la Puglia e l’Italia tutta ancora troppo indietro per numero di lettori. Sarà possibile rendere più godibili gli spazi, impreziosirli, favorirne la funzionalità sia attraverso il recupero e il restauro di beni immobili sia attraverso la dotazione di strumenti e attrezzature adeguate e innovative. I primi venti milioni di euro, la dotazione prevista per le Community Library, saranno quindi destinati a finanziare progetti di investimento fino a un importo massimo di due milioni di euro. “Questo bando – ha detto il presidente Emiliano – riguarda l’intera regione, a partire dai Comuni, dalle scuole e dagli enti che gestiscono immobili di particolare importanza che possono essere adibiti alla funzione di biblioteca e alla fruizione pubblica, e che possono avere elementi di innovazione tecnologica. Questo

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.