LA CITTÀ ILLUSTRATA, mostra di illustratori a Vico del Gargano

VICO DEL GARGANO 26 GIUGNO 2016, PALAZZO DELLA BELLA Il gruppo regionale di illustratori LA PUGLIA RACCONTA in collaborazione con la libreria L’ORTO DELLE FAVOLE, con il patrocinio del COMUNE DI VICO DEL GARGANO E L’ENTE PARCO NAZIONE DEL GARGANO è lieta di presentare: LA CITTÀ ILLUSTRATA. La mostra che si terrà nella splendida cornice di Palazzo della Bella a Vico del Gargano dal 26 giugno al 17 luglio 2016 è a cura del Gruppo regionale di illustratori e scrittori de La Puglia racconta ed è stata fortemente voluta nella cittadina da Claudia Laganella titolare della libreria per ragazzi l’Orto delle favole con la collaborazione delle referenti di Foggia e Bari dott.sse Rosanna Giampaolo e Daniela Giarratana. Il gruppo è formato da illustratori e scrittori legati alla Regione Puglia (per la loro origine o scelta di vita). Professionisti e autori attivi su tutto il territorio pugliese con mostre, eventi, festival pubblicazioni, legate al mondo dell’immagine e del racconto(- pagina FB! https://www.facebook.com/La-Puglia-racconta-618734288213827/?fref=ts) La mostra nata all’interno delle programmazioni del festival “La Città visibile-festival di storie, di libri, bambini e città”, promosso dalla Fondazione Città Bambino, – Bari ottobre 2014, manifestazione realizzata con il contributo della Regione Puglia e il patrocinio di Comune di Bari, Ufficio Garante dei diritti dei Minori, Presidi del libro e AIB, arriva a Vico dopo essere stata presentata nell’anno 2015 -2016 in diverse città pugliesi e aver partecipato a festival di settore. La mostra composta da più di trenta casette è un viaggio poetico e fantastico nel concetto di casa, con un occhio particolare alla poesia dell’illustrazione dell’infanzia. La casa diventa contenuto e contenitore dei nostri desideri, lo spazio del nostro essere, spazio del gioco o del pettegolezzo, per i ricordi o del sogno, il tutto sapientemente illustrato con tecniche espressive che vanno dalla grafica alla pittura

Leggi tutto »

I servizi segreti sul Gargano durante la Seconda Guerra Mondiale

A cura di C’era una volta Vieste Gli invii Inglesi all’organizzazione del “Terzo Fronte” sul Gargano Il 15 Giugno del 1943, l’organizzazione segreta antifascista “Terzo Fronte” concordò con gli Inglesi, tramite il canale svizzero di Berna, lo sbarco di materiale all’avanguardia per sabotaggio. Il punto scelto in cui il sommergibile inglese avrebbe effettuato la consegna, era un insenatura tra Vieste e Peschici, probabilmente presso la Chianca. Gli uomini incaricati a ricevere il pericoloso carico furono due agenti dell’OVRA (la polizia segreta fascista) tra cui il comandante della sezione speciale “Ufficio missioni estere” , Luca Osteria, noto come Ugo Modesti e passato alla storia come Dottor Ugo, la più abile spia italiana della seconda guerra mondiale. Fu Luca Osteria ad inventare l’operazione del “Terzo Fronte” presentandola agli Inglesi come organizzazione antifascista, sin dalla stipulazione del patto d’acciaio tra l’Italia e la Germania nel 1939. L’obiettivo dei servizi segreti italiani era prevenire che gli Inglesi creassero un organizzazione contro il potere fascista, presentando un organizzazione fasulla, già pronta, gli Inglesi ci cascarono e non ebbero alcun sospetto fino alla fine della guerra. L’agente segreto Luca Osteria arrivò a Peschici la mattina del 14 Giugno, inviato dal ministero dei trasporti pubblici come geometra incaricato di eseguire rilevamenti; a Peschici prende contatti con il Podestà e scopre che il punto prescelto è irraggiungibile con l’automobile, noleggia allora due muli e si apposta il pomeriggio alle 16.00 al riparo, scattando una fortunata fotografia del luogo per la documentazione dell’operazione. Il sommergibile arrivò alle 2.30 di notte e scaricò 2.500 chili di esplosivo T4, , diviso in 6 contenitori, insieme a micce, detonatori, cavalletti per deviare i treni, mine, ordigni e altre attrezzature sofisticate per sabotaggio. Il Dottor Ugo, ricorderà lo scarico, come una delle sue missioni fisicamente più faticose, trasportare un carico pesante e ingombrante

Leggi tutto »

La lenta morte del patrimonio culturale della Capitanata

Luciano Sorricaro, amareggiato, riporta su facebook: Masserie di San Severo Vignali Colio – Casino Di Fazio Ieri ho scoperto che la nostra città ha perso uno degli esempi più belli di architettura rurale che possedeva: il casino di Fazio. La foto di due anni fa rapportata a quella di ieri lascia esterrefatti ed increduli: per me é come se avessero abbattuto la chiesa di San Severino! Mi vergogno di appartenere a questa città! Mi vergogno di una città che rincorre impropabili piste ciclabili urbane che potrebbe facilmente trovare fuori porta, che permette l’occupazione di spazi pubblici non più fruibili dalla gente, che riempie le strade di cartelli segnaletici inutili e non indica la presenza dei “gioielli architettonici” che possiede nel suo agro. Mi vergogno dell’indifferenza con cui certi avvenimenti vengono accolti. Mi vergogno della cecità di un città culturalmente morta, che non ha idee, che non persegue progetti semplici e intellettualmente onesti. San Severo svegliati…se fai crollare il passato e cancelli le tue radici culturali non hai più futuro!

Leggi tutto »

Quando la Foresta Umbra era vissuta – Presentazione libro “Quando correvamo alla Luna”

La vita dei luoghi, dei paesaggi, dei territori, è fatta di storie, spesso storie mai raccontate, lasciate in sospeso; ciò accade tanto più sul Gargano dove, dopo gli anni ’50, tanti luoghi sono rimasti da soli, nel silenzio assoluto della natura. Poi incontri casuali, anche virtuali, e si accendono scintille…e succede che le storie che erano in sospeso trovano corpo e vengono narrate. E’ il caso della storia di Ena Servedio, una bambina cresciuta in Foresta Umbra negli anni ’50; immaginate cosa ha significato ciò, quante suggestioni può ricevere la fantasia di una bambina avendo come grande parco giochi una intera foresta..e che foresta! Ecco, non devo dirvi nient’altro, questo breve post l’ho scritto col cuore per un motivo particolare che non vi svelo qui. Il libro verrà presentato sabato in Foresta Umbra e lunedì a Vieste. Domenico Antonacci Evento facebook Foresta Umbra Sabato ore 11:00 Evento facebook Vieste Lunedì 20 giugno ore 21:00  

Leggi tutto »

Fase di raccolta delle osservazioni per l’aggiornamento del Piano del Parco del Gargano

I Parchi Nazionali italiani basano la propria attività, di norma, sullo strumento chiamato “Piano del Parco”. A oltre 20 anni dalla sua nascita il Parco del Gargano ancora non è dotato di tale strumento seppur l’iter di elaborazione sia cominciato più di 10 anni fa. E’ per questo che oggi l’ente Parco chiede il parere dei soggetti competenti in materia ambientale e delle autorità territorialmente interessate, sugli aggiornamenti necessari per un adeguamento del Piano del Parco del Gargano all’attuale contesto normativo, ambientale e socioeconomico su cui ricade la competenza del Piano stesso. Il presente documento intende rappresentare in modo chiaro e sintetico gli obiettivi dell’attività di aggiornamento del Piano del Parco Nazionale del Gargano e fornire nel contempo il quadro logico secondo cui sarà effettuata la valutazione ambientale strategica del Piano stesso. In considerazione della rilevanza del tema e delle ricadute economiche, sociali e ambientali è auspicata la maggiore partecipazione possibile e la predisposizione di contributi strutturati in modo da poter essere più agevolmente presi in considerazione. A tal fine viene messo a disposizione l’allegato questionario che si invita ad utilizzare per fornire le proprie indicazioni.” Il questionario, esclusivamente in formato elettronico, dovrà essere trasmesso a: info@parcogargano.it direttore@parcogargano.legalmail.it (PEC) Link documenti Download alternativo Documento rapporto preliminare aggiornamento Questionario per osservazioni AGGIORNAMENTO 16/06/2016 – COMUNICATO STAMPA PNG

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.