Vai al contenuto

VIDEO Istituto Luce, primi della classe, i migliori studenti in viaggio dal Gargano al Salento

Grazie a Walter Di Pierro

Grazie alla preziosa prof.ssa Rauzino ci giunge una testimonianza di uno dei 40 bambini…che fortuna!

Scrive
l’ingegner Zamboni: Avevo 16 anni (come nella canzonetta della Rita
Pavone allora in voga). Di quei cari compagni ricordo ancora ogni
particolare.

Oltre all’archeologia, all
‘architettura
e all’arte, in quelle due indimenticabili settimane ebbi occasione di
vedere il paesaggio di Puglia e Lucania agli inizi della trasformazione
da arcaico (es. Sassi di Matera) a turistico (es. Motel Agip a San
Menaio) e a industriale (all’Italsider di Taranto vidi le prove di
produzione della oggi vituperata cockeria e del tubificio).

Effettivamente dovrei scrivere qualcosa, e lo farei anche volentieri,
ma ho bisogno di un po’ di tempo.

Adolfo

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

2 commenti su “VIDEO Istituto Luce, primi della classe, i migliori studenti in viaggio dal Gargano al Salento”

  1. Ma lo sai, Domenico Sergio Antonacci, che questa storia la conosco da un po' di anni e che conosco uno di quei quaranta primi della classe, l'ingegner Adolfo Zamboni, che ritorna a Peschici ogni estate ?
    Gli ho mandato il link del video e l'ingegnere mi ha immediatamente risposto, ringraziando chi ha ritrovato e segnato questo rarissimo filmato del 1964:
    Ricorda Zamboni: "Avevo 16 anni (come nella canzonetta della Rita Pavone allora in voga). Di quei cari compagni ricordo ancora ogni particolare.
    Oltre all'archeologia, all'architettura e all'arte, in quelle due indimenticabili settimane ebbi occasione di vedere il paesaggio di Puglia e Lucania agli inizi della trasformazione da arcaico (es. Sassi di Matera) a turistico (es. Motel Agip a San Menaio) e a industriale (all'Italsider di Taranto vidi le prove di produzione della oggi vituperata cockeria e del tubificio).
    Effettivamente dovrei scrivere qualcosa, e lo farei anche volentieri,
    ma ho bisogno di un po' di tempo.
    Grazie a te e al bravo ricercatore e ritrovatore".
    Adolfo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.