Storie di convivenza tra lupo e allevatori

Non è bello vedere foto di pecore dilaniate ma se succede la colpa è dell’allevatore, non del lupo, lui è un predatore e deve attaccare, tu sei un allevatore e devi difendere altrimenti non sei in grado di allevare, devi cambiare mestiere” (Piero, allevatore).

Trascrizione sintetizzata:

“Se dobbiamo dire che il lupo è un problema, per me no, a guardia ho dei cani e sono in una zona con grossi branchi di lupi, ho 11 cani pere 250 pecore.
Nel 2015, a 25 anni, ho subito una grossa predazione, avevo 70 pecore protette da 4 cani, 16 lupi uccisero 50 pecore e tutti i cani.
Sono ripartito da 20 capi, ho selezionato bene i cani e non ho avuto più problemi, solo cani feriti.
La selezione del cane è fondamentale.
L’allevatore dovrebbe essere il primo a rispettare l’ecosistema e il lupo fa parte dell’ecosistema e ha diritto di vivere, sta a noi proteggere ciò che alleviamo.
Se tu lasci le pecore incustodite, senza cani, con una rete elettrica di 1.2 metri non puoi sperare che si ferma, ci devi mettere i cani.
Non si deve pensare a sterminarli ma a proteggerli, a trovare una soluzione ecosostenibile per il rispetto della natura selvatica e degli animali da reddito.
Non è bello vedere foto di pecore dilaniate ma se succede la colpa è dell’allevatore, non del lupo, lui è un predatore e deve attaccare, tu sei un allevatore e devi difendere altrimenti non sei in grado di allevare, devi cambiare mestiere.”

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *