Rinnovabili, beffa pugliese adesso l’energia è troppa

Coperto il 55% del fabbisogno: spesso l’elettricità verde si butta via.

È come se dalle 8 del mattino fino alle 9 della sera, ogni giorno,
l’elettricità dei pugliesi sia fornita dal sole, dal vento e (in misura
minore) dalle biomasse. Nel 2012 le rinnovabili hanno in­fatti garantito
quasi il 45% del consumo energetico della Puglia, una percentuale che
nel 2013 do­vrebbe essere salita almeno al 55%. E crescerà ancora: ma è
un dato molto meno positivo di quanto sembri. I numeri del 2012 (la
fonte sono le statistiche Tema, che per il 2013 non sono ancora
definitive) sembrano infatti dire che la Pu­glia produce addirittura
troppa energia rinnovabile. Una parte rilevante di questa va perduta, 
specata: ci sono fasce orarie in cui la produzione delle rinnovabili è
addirittura supe­riore al fabbisogno, e siccome la rete nazionale di
distribuzione è inefficiente, l’energia in più (che non si può
immagazzinare) viene buttata via. Per quell’energia, detto per inciso,
lo Stato paga ai produttori ricchi incentivi. La corsa all’installazione
dei parchi ha riempito il territorio: in Capitanata una concentrazione. 

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *