Vai al contenuto

Rabdomanzia di Capitanata: trovare l’acqua sottoterra con un pezzo di ferro

Borgo Giardinetto, tra Foggia e Troia. La signora protagonista del video di Giuseppe Donatacci si dice una rabdomante, ovvero capace di trovare acqua sotto terra tramite l’utilizzo di un “attrezzo” di ferro.
La rabdomanzia è una pratica divinatoria che consiste nel tentativo di individuare acqua o filoni di metalli nel sottosuolo utilizzando uno strumento di legno, generalmente una bacchetta biforcuta, che è utilizzata come amplificatore dei movimenti del corpo generati da supposte radiazioni emesse dall’oggetto ricercato. Chi usa questa pratica è chiamato rabdomante.

Questa pratica, conosciuta e praticata sin dal III millennio a.C. nell’antica Cina e nell’antico Egitto, non ha alcun riscontro scientifico di efficacia. Oggi è considerata uno dei metodi della radioestesia.

Scettici? A ognuno la sua idea ma intanto vi segnalo alcune letture:

Indagine sui rabdomanti italiani

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.