Apertura straordinaria del museo nazionale nel castello di Manfredonia, ci sono stato ed ecco le mie impressioni

Le Giornate Europee del Patrimonio del 27 e 28 settembre 2020 (#GEP2020) sono state l’occasione per conoscere da vicino il cantiere del Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia, da anni chiuso ai visitatori e ormai attesissimo da tutti gli addetti ai lavori e gli appassionati.

Non potevo certamente perdermi questa opportunità, e allora domenica mattina ho seguito una delle visite guidate dell’apertura straordinaria, iniziativa che dimostra la volontà di instaurare un nuovo dialogo con il territorio.

A illustrare lo stato dell’arte dell’andamento dei lavori la direttrice Annalisa Treglia e l’archeologa Gioseana Diomede, giovani figure professionali che, fatemelo dire, svecchiano certamente l’idea stereotipata di museo archeologico.

L’unica sala visitabile, quella dedicata ai dauni, è un viaggio nella loro “epopea” attraverso corredi funerari e stele, dai primi “grezzi” secoli testimoniati da Monte Saraceno (Mattinata) fino alle ultime e raffinatissime espressioni di Canosa di Puglia. L’allestimento è ancora in corso d’opera, mancano le didascalie, ma il percorso è ben fatto. Unica nota critica: qualche riflesso di troppo a causa delle vetrate che danno sulla piazza d’armi ma sono gioie e dolori di adattarsi a luoghi non nati certamente per svolgere funzioni museali.

Insomma, una piccola anteprima che fa pregustare le tante le novità che si prospettano e che non vediamo l’ora di conoscere!

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *