Circiello, l’artista che ha reinterpretato i dauni e la preistoria del Gargano

Alzi la mano chi non ha mai visto questa rotonda a Vieste.

Cercatore di tracce e segni, dell'”aura rupestre del Gargano”, Michele Circiello ha lasciato tante sue opere sul Promontorio e in particolare a Vieste, dove ha insegnato diversi anni.

Nel 2019 l’Amministrazione Comunale di Vieste (un plauso!) concede la cittadinanza onoraria a Michele Circiello, personaggio e artista mai giustamente considerato, come succede spesso per le cose belle e autentiche di questa terra fuori dagli schemi della politica (con la p minuscola).

Chiudo con una frase emblematica di Circiello che dà la cifra di quanto fosse forte il suo rapporto con questa terra e dell’approfondito livello di lettura che aveva raggiunto di essa:

“Il Gargano è una favola a cielo aperto, bisogna solo raccontarla”

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *