Vai al contenuto

Bando PNRR per i beni culturali e del paesaggio rurale della Puglia

Le domande, fino a un massimo di 150.000€ a bene, possono essere presentate dai soggetti privati (persone fisiche, imprese, enti del terzo settore e organizzazioni culturali, enti ecclesiastici, fondazioni e altre organizzazioni) per il recupero e la valorizzazione di beni storici e/o vincolati tipici dei paesaggi rurali del territorio pugliese, quali, ad esempio, casali, masserie, trulli, frantoi, stalle e mulini, ma anche chiese rurali ed edicole votive, e ancora muretti a secco, fontane, pozzi e altre strutture a testimonianza dell’economia agricola tradizionale e dell’evoluzione del paesaggio, allo scopo di tutelare e valorizzare i beni della cultura materiale e immateriale e di ripristinare la qualità paesaggistica dei luoghi, nonché di promuovere nuove iniziative e attività legate alla fruizione turistico-culturale sostenibile e legate alle tradizioni e alla cultura locale.

Il bando scade il 29 luglio 2022.

La chiesa di Sant’Anna a Carpino

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

1 commento su “Bando PNRR per i beni culturali e del paesaggio rurale della Puglia”

  1. Pingback: Il patrimonio culturale del Gargano lasciato nell'abbandono: Sant'Anna a Carpino - Amara terra mia: Storia di storie del Gargano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.