Vai al contenuto

La vendita dei beni demaniali voluta dal federalismo fiscale – la provincia di Foggia

Il federalismo demaniale è entrato in azione; comincerà così il trasferimento alle Regioni e agli enti locali dei “beni del demanio marittimo, idrico, gli aeroporti di interesse regionale o locale, le miniere e gli altri beni immobili dello Stato e i beni mobili ad essi collegati”.Gli enti in questione potranno venderli quindi per far cassa e risolvere problemi di liquidità, ma la paura è che dietro questa mega svendita di beni pubblici si possa nascondere la più grande speculazione edilizia e immobiliare della storia della Repubblica Italiana.


Anche la nostra provincia è interessata da questa svendita ed in particolare è Cagnano Varano ad avere più beni demaniali; parliamo di un’area di migliaia di ettari che comprende l’ex idroscalo Ivo Monti con la Chiesa di Santa Barbara, la Masseria Forquet e molti altri terreni nella zona semaforo fino alla contrada Baresella o meglio Varusedda.
Basta fare qualche somma per capire che con meno di 4 milioni di euro si può diventare proprietari di una zona; resta un problema, cioè quello di liberare quei terreni occupati abusivamente.
La questione del “cosa farne” di San Nicola Imbuti, del monastero secolare e della base militare è stata sempre dibattuta a Cagnano, si è spesso parlato di mega progetti in campagna elettorale, del famoso volano per rilanciare il paese ma non è stato mai fatto nulla di concreto apparte il restauro di una delle strutture dell’ex idroscalo.

Da questo sito potrete consultare tutti i beni in vendita comune per comune.
Qui il link ad una scheda dell’agenzia del demanio riguardante l’ex tenuta Forquet e la base Ivo Monti

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.