Vai al contenuto

La Terra non gira, una poesia in dialetto sammarchese

Allu vosche m’ha ditte lu patrone:
“La terra è nu cetrangule squacciate ”.
Ma veramente, cara Furtunate
i’ tegne ‘na deversa ‘penione.
Pecchè lu fatte che m’ha ‘mpressiunate
iè che la terra, senza ‘na raggione,
dice ch’aggira come nu pallone
e notte e ghiume, lu verne e la state.
I ‘ mo’, presempia, tegne sessantanne
e grazie a Dì so’ state sempe bone,
non eie avute ma’ freve o malanne.
E ’mmece, scusa, se fosse alluvere
lu fatte che m’ha ditte lu patrone,
no’ m’arria menì lu votacere?
Se tu pense, cumpà a ‘sta frecaria,
lu fatte ienn’ancora chiù ‘mpicciuse;
la terra aggira come fosse fuse,
ma po’ chi la mantè?.., la ggiografia?…
– Eppur si muove! -dice lu farfuse
de fighhieme. Manneia la fatia!
dallu suttane, s’accuscì serrìa,
nun ce arrima truvà ’na vota suse?
Ha ditte l’ata sera Viggenedde:
– Mettime che la terra stess’appesa
a quacche ‘ncine o quacche travucedde;
se ‘ncele tutt’è aria e vente, neh,
m’addumanne, pe’ farla tenè tesa,
stu ‘ncine adova cattra ce mantè?
 
di Giovanni La Selva

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.