Vai al contenuto

Ije aulive, la poesia dell’ulivo i Francesco Granatiero

Ie, cèrte, ne mme more,
s’a ulive me tramute,
oie tèrre, ca nzò mmute
i ffrunne assute fore

da i rramere verrute,
oue sanghe vive angore
me scorre nd’a gni nnute,
me mboche affore affore.

Atèrne u curpë fòrte
– da i rrateche na sfite
condre u windë la mòrte –

déche péce, ie cujéte,
ie ch’a u cilë m’avvite,
ie ngurpë ngujatéte.

Io ulivo – Io, certo, non muoio, / se in ulivo mi trasformi, / terra, ché non sono mute / le foglie germogliate // dai rami vigorosi, / dove sangue vivo ancora / mi scorre in ogni nodo, / m’infuoca in ogni fibra. // Eterno il tronco forte / – dalle radici una sfida / contro il vento di morte – // dono pace, io quieto, / io che al cielo mi avvito, / io in corpo irrequieto. (F. Granatiero)

Fonte: Francesco Granatiero

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.