Vai al contenuto

I reperti di Grotta Paglicci in esposizione al Vittoriano di Roma

Un breve post per comunicarvi che a Roma, nell’area espositiva del Vittoriano (detto anche Altare della Patria) e all’interno della mostra “I Colori del Buio” (del gruppo di esplorazioni speleologiche La Venta), fino al 25 marzo potrete ammirare i reperti della Grotta Paglicci di Rignano Garganico, una delle più importanti del Mediterraneo, una
vera miniera archeologica: il più spettacolare è lo scheletro di donna
di 18-20 anni ed in una sepoltura del periodo Gravettiano (quindi tra 28 e
20.000 anni fa), è stata trovata anche una seconda sepoltura. Nel sito
ciottoli, pietre e ossa con incise figure geometriche e di animali. In
evidenza vediamo le fotografie di un’altra “perla” trovata nella grotta,
gli unici esempi in Italia di pitture parietali paleolitiche : due
cavalli e delle mani dipinte in un angolo riparato della grotta, del
tipo di quelle della Grotta di Lascaux in Francia, che risalgono a 18-20 mila anni fa.

Da Archeorivista

SIAMO ARRIVATI AL PARADOSSO CHE PER VEDERE UN BENE PROVENIENTE DALLA NOSTRA TERRA DOBBIAMO ARRIVARE A ROMA!
MILIONI DI EURO SPRECATI PER UN MUSEO CHE NON ESISTE, PROMESSE E PAROLE DAI SOLITI NOTI E…IL NULLA..

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.