Monte Sant’Angelo – Una vergogna contro il senso esterico della città UNESCO

di Giuseppe Piemontese

Ormai la città di Monte Sant’Angelo è alla mercé del cattivo gusto e della “barbarie”, se si permette di installare, proprio di fronte al Santuario di San Michele, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, ben tre bacheche “funebri”, che deturpano in maniera degradante l’intero contesto storico-culturale della Cittadella Micaelica. Bacheche che sembrano uscite da un ambiente cimiteriale, orrende sia nell’aspetto che nella decorazione. Un obbrobrio che solo la mancanza di gusto e di senso estetico può permettere di istallare, lungo la scalinata che porta al complesso monumentale della Tomba di Rotari, della Chiesa di San Pietro e di Santa Maria Maggiore, queste orrende strutture metalliche, che sembrano uscite dall’Inferno dantesco. Una condanna non solo per i proprietari, ma soprattutto per chi ha concesso il permesso di installarle, contravvenendo a qualsiasi regolamento che tuteli la bellezza della città e del Sito Unesco. Una condanna senza appello per il progettista, ma soprattutto per il proprietario, che ha alterato, in maniera irreversibile, il contesto storico-culturale della Cittadella Micaelica. 
Questo è un segno di totale mancanza di senso estetico e di salvaguardia delle nostre bellezze culturali, e che trova una totale condanna da parte di tutta la popolazione locale, contro chi altera e tradisce lo spirito di un Sito Unesco, quale è quello del Santuario micaelico. Purtroppo da diverso tempo proponiamo l’adozione da parte dell’Amministrazione di una Carta della Bellezza e di un Regolamento che salvaguardi il decoro urbano della Città, di cui oggi più che mai si sente l’esigenza e la necessità, per tutelare, dai “barbari”, la nostra storia e la nostra cultura. Non è possibile lasciare tutto nelle mani degli incompetenti, che non hanno alcun senso estetico e alcuna cultura che possa tutelare e valorizzare l’anima di un luogo, la sua bellezza, la sua identità. 
Oggi più che mai dobbiamo lottare contri i “nuovi barbari”, che in nome del profitto e del consumismo, vogliono abolire il senso di appartenenza e il nostro comune senso identitario. Non è possibile, ormai, chiudere gli occhi, di fronte a ciò che sta succedendo nella nostra città, in cui i Beni culturali, vedi la Biblioteca comunale senza la Catalogazione dei libri esistenti, le pessime condizioni del Museo Etnografico “Tancredi”, dopo i recenti interventi restaurativi, la chiusura della Chiesa di Santo Stefano, che dovrebbe accogliere tutto il materiale archeologico del territorio di Monte, oggi lasciato incustodito nei più reconditi ripostigli umidi e degradanti; per non parlare poi dei palazzi storici lasciati al loro perenne degrado e degli immobili di proprietà comunale, senza alcun intervento di tutela e di valorizzazione. Così come ormai abbandonato è il nostro Centro storico, che avrebbe bisogno al più presto di un serio ed organico Piano di Rigenerazione Urbana. 

A questo punto ci chiediamo: Quale compito ha oggi l’Ufficio Unesco, con il suo responsabile, se non tutelare in maniera oculata e responsabile, il Sito Unesco e la Buffer Zone? Evidentemente esso ha solo una funzione di rappresentanza, vuota e inefficace sul piano pratico, senza che abbia a cuore il bene comune della nostra Città. Eppure nel Piano di Gestione Unesco si parla di tutelare l’integrità del contesto urbano e di preservare l’autenticità del bene comune. Evidentemente a nessuno importa né l’integrità della nostra Città, né l’autenticità dei nostri Beni culturali. 
Non è possibile chiudere gli occhi di fronte a gente senza amore e senza cultura, che altera il contesto storico-culturale della nostra Città. Alziamo forte la nostra protesta, facendo un appello affinché le suddette bacheche vengano rimosse al più presto, dando così alla Cittadella Micaelica il suo aspetto originario e il senso profondo di una nuova coscienza dei luoghi, attraverso una rinnovata acquisizione del senso di appartenenza. 
GIUSEPPE PIEMONTESE
Società di Storia patria per la Puglia

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

1 commento su “Monte Sant’Angelo – Una vergogna contro il senso esterico della città UNESCO”

  1. I SANTI E DIO NON POSSONO INTERVENIRE PER RISPETTO DELLE SUE CREATURE MA UN GIORNO ANCHE PER LORO ARRIVERA' IL MOMENTO,DI QUESTI MOMENTI NON CI PENSANO, MA SE NE ACCORGERANNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *