Monte Sant’Angelo da riscoprire, per un nuovo turismo

Monte Sant’Angelo da riscoprire è quella del patrimonio culturale rupestre, nei valloni ma anche a due passi dal centro storico.

Siamo in “Largo dei Prugni”, a 100 metri dal famoso Rione Junno (che, per le cronaca, di medievale ha ormai ben poco..a dispetto di quanto riportato su siti e guide).
Qui l’edilizia moderna ha risparmiato terrazzamenti, case-grotte, strade nella roccia e antichi sistemi di raccolta delle acque piovane.
Qui troviamo la vera Monte Sant’Angelo del passato, quella, spesso rimpianta, del Rione Fossi distrutto negli anni 70 (e tanti montanari fanno giuste analogie con Matera)….un angolo suggestivo e pittoresco che stupisce e sorprende per la bellezza potenziale che potrebbe esprimere con un’intelligente e delicato intervento di riqualificazione.
La Monte Sant’Angelo del turismo e della cultura può andare anche oltre San Michele (tutto il rispetto), guardiamoci attorno e cogliamo le molteplici ricchezze, volgiamo lo sguardo a nuove strade per una nuova offerta turistica.

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *