Vai al contenuto

La Grava di Campolato prosegue ancora (con video)

Grande notizia dopo la recente nuova esplorazione.
La più grande cavità del Gargano, Campolato, di oltre 1km di lunghezza, prosegue ancora!
E lo fa sott’acqua, dove sono necessarie attrezzature e competenze specifiche per portare avanti l’esplorazione.

Dal post della Federazione Speleologica Pugliese: Sabato 29 gennaio 2022 è stata effettuata una immersione subacquea nel sifone terminale della Grava di Campolato a San Giovanni Rotondo, la seconda grotta più profonda di Puglia.
Una squadra composta da speleologi dello Speleo Club Sperone di San Giovanni Rotondo, del Gruppo Grotte Grottaglie, del Gruppo Speleologico “Le Grave” di Verzino (KR), del Gruppo Ricerche Carsiche di Putignano, del Centro Altamurano Ricerche Speleologiche, del Gruppo Speleologico Jesi e del Gruppo Speleologico Marchigiano di Ancona hanno trasportato l’attrezzatura speleosubacquea a -303 m di profondità percorrendo i non facili traversi sospesi che caratterizzano la grotta per permettere a Francesco Papetti (Gruppo Grotte Grottaglie) di immergersi nel sifone terminale.

Il sifone si presenta con una ampia galleria con piccoli scallops sulle pareti e con un approfondimento vadoso; la galleria sommersa è stata percorsa per 50 m per un dislivello massimo di 9 m, arrivando al limite tecnico raggiungibile in ragione dell’attrezzatura “leggera” che era stata portata in grotta. La galleria prosegue approfondendosi ed ingrandendosi.
La profondità della grotta è ora di 312 m.
Ulteriori esplorazioni saranno realizzate nel prossimo mese di marzo, con lo scopo di acquisire ulteriori dati su questo importate sistema carsico
.

Speriamo di avere notizie al più presto, intanto vi lascio al video e alla relazione scaricabile su www.francescopapetti.it.

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.