Vai al contenuto

Le bonifiche del Tavoliere delle Puglie in un proverbio popolare (+ approfondimento)

Atlante geografico del Regno di Napoli, Rizzi Zannoni, 1808

In realtà la Puglia fu la ricchezza e la tomba di molti pastori, principalmente abruzzesi, che stimati in circa cinquemila ogni anno, trascorrevano in questa pianura otto mesi su dodici, andando spesso incontro a morte certa per via della malaria che regnava sovrana nei luoghi frequentati da loro come le mezzane e le marane. Il nome marana, per ironia del destino, viene proprio da un termine greco che significa appassire, spegnersi, ma che la piana fosse la tomba dei pastori e non solo, lo sapevano bene alcuni locati che hanno sempre saputo che, ad esempio, nella locazione di Salpi, tra Manfredonia e Cerignola, in una contrada  chiamata Alma dannata, le condizioni di vita erano impossibili e c’era il detto: ”Chi va all’Alma dannata e no more, vol di’ ca la morte gli è sore”.

Clicca qui e approfondisci con una interessante lettura sulle bonifiche delle paludi di Salpi / Salso / Verzentino: Considerazioni su i mezzi da restituire il valore proprio a’ doni che ha la natura largamente conceduto al Regno delle Due Sicilie del commendatore Carlo Afan de Rivera, 1832


Variazioni climatico-ambientali e impatto sull’uomo nell’area mediterranea durante l’olocene

Se ti interessa conoscere meglio il Lago Salso con la sua oasi naturalistica cerca “salso” nel form della ricerca google qui nella colonna a destra.

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a Wordpress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.