Ciclovia da Chieuti a Leuca

In bicicletta dal confine con il Molise a Santa Maria di Leuca attraverso la Ciclovia Adriatica. L’itinerario è stato rilevato e verificato dalla Fiab per conto dell’assessorato regionale alla mobilità e traccia un percorso di 1000 km che attraversa tutta la Puglia lungo le strade esistenti a basso traffico. “Stiamo provando a valorizzare in modo diverso le infrastrutture di cui disponiamo – ha spiegato nel corso della presentazione l’assessore alla mobilità della Regione Puglia, Guglielmo Minervini – Mentre attendiamo la realizzazione di piste ciclabili, ne abbiamo finanziate per 20 milioni attraverso i fondi delle aree vaste, ci siamo chiesti cosa si può fare immediatamente e abbiamo scoperto una rete di strade con un carico ridotto di traffico che può già essere messa al servizio della mobilità ciclistica e del cicloturismo. C’è in Puglia un’offerta di qualità che integra l’idea di mobilità e l’idea di sviluppo turistico attento al territorio”. La Regione Puglia, infatti, sta lavorando per dotarsi di una rete ciclabile regionale costituita da ciclovie, vale a dire da una sequenza di strade percorribili in bicicletta, con diverso grado di protezione per il ciclista. Le dorsali di questa rete, individuate con il progetto di cooperazione internazionale CYRONMED, di cui la

Leggi tutto »

San Michele Arcangelo in “Feste e Riti d’Italia”

Il 10 agosto alle 19.00 si svolgerà a San Menaio (Sala conferenze dell’Hotel Orchidea Blu) il convegno “San Michele Arcangelo in “Feste e Riti d’Italia”, organizzato  dal  Centro  Studi  Giuseppe  Martella  e  dal  Comitato  per  la  promozione  del  patrimonio immateriale (ICHNet),  in collaborazione con il Centro Studi sul patrimonio immateriale Lucano di Sala Consilina e l’Associazione culturale Carpino Folk Festival. L’incontro  avrà  come  tema  il  culto  di  San  Michele  Arcangelo  e  le  sue  valenze  culturali,  oltre  che religiose,  tema,  questo,  affrontato  nell’ambito  dello  studio  “Feste  e  riti  d’Italia”  realizzato  dall’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia del Ministero per i beni e le attività culturali  in collaborazione con gli organizzatori dell’evento. Comunicato stampa Manifesto evento

Leggi tutto »

Decoro Urbano, un app free per il vostro smartphone per segnalare il degrado cittadino

di Domenico Sergio Antonacci AGGIORNAMENTO  15 MARZO 2012: SAN GIOVANNI ROTONDO E’ NELLA RETE DEI COMUNI ADERENTI ALL’INIZIATIVA…CI PIACE PENSARE ANCHE GRAZIE A NOI.. AGGIORNAMENTO APRILE 2013: DECORO URBANO SBARCA A FOGGIA: LINK ALLA NOTIZIA SEZIONE SUL SITO CON MAPPA DEL DEGRADO DI FOGGIA Un programma per contrastare il degrado cittadino? Certo, è proprio a questo che serve Decoro Urbano, un’ottima idea nonché un utilissimo servizio gratuito che consente di segnalare, sia da PC, che da smartphone Android o iPhone, tutte quelle situazioni che concorrono a rendere meno vivibile il territorio che ci circonda. Le segnalazioni inviabili, previa registrazione, possono riguardare rifiuti, segnaletica mancante o errata, dissesti stradali, atti di vandalismo o incuria, degrado di zone verdi, affissioni abusive ed altro ancora. Le segnalazioni compaiono sulla mappa e sono immediatamente visibili e condivisibili online. Tutti i Comuni che lo desiderano, possono inoltre aderire al network diventando “Comuni Attivi“, ottenendo un accesso riservato che consente loro di modificare lo status delle segnalazioni quando i problemi vengono risolti e aggiornare in tempo reale gli utenti interessati. L’adesione per le amministrazioni pubbliche è gratuita e il progetto è stato realizzato senza alcun finanziamento, come servizio per la comunità. Niente male come idea, eh? Se vi

Leggi tutto »

Un’altra discarica a cielo aperto a Cagnano Varano

Elettrodomestici, batterie di auto, fusti, bottiglie, sedie, biciclette ed altri “rifiuti ingombranti non identificati”…l’ennesima discarica a cielo aperto di Cagnano Varano (si trova qui); e deve essere pure abbastanza frequentata! Ci si arriva con le auto, vicino al tornantone della strada provinciale verso San Giovanni Rotondo, e si getta tutto giù per il ripido pendio (sperando che qualche albero fermi l’ingombrante rifiuti prima che arrivi sulla strada sottostante). Non esistono gli ambientalisti ed i non ambientalisti…esistono le persone normali…. e i COGLIONI! (che purtroppo sono tanti) Vedi anche “Scarichi fognari nel Lago di Varano”

Leggi tutto »

Ancora un delfino morto sulle spiagge del Gargano

Sempre più spesso si sente parlare di delfini morti che arrivano sulle spiagge del Gargano, non so se è dovuto alla maggiore diffusione delle informazioni grazie ad internet, ad un aumento dei delfini nei nostri mari (e dunque aumento di delfini morti) oppure a qualche altro fenomeno che ne porti alla morte un numero anomalo. Proprio ieri l’ultimo caso di delfino morto ritrovato sulla spiaggia di Capojale (Cagnano V.no). Grazie ad Anna Rendina per la foto Domenico Sergio Antonacci AGGIORNAMENTO:  DELFINO MORTO A MATTINATA

Leggi tutto »

Memorie di un territorio, scoprire il centro storico di Carpino attraverso i nomi dialettali

Carpino Folk Festival non è solo musica ma anche conoscenza del territorio. Memorie di un territorio, le antiche vie di Carpino. Visita guidata all’interno del centro storico di Carpino alla riscoperta degli antichi nomi dialettali tramandati oralmente che identificano i luoghi un tempo fulcro della vita del popolo carpinese. Con questo progetto si vogliono descrivere i luoghi della memoria, il vissuto del centro storico, ritrovandovi all’interno dell’antico abitato, in nomi dialettali trasmessi oralmente. Su questi termini, che si tramandano da generazioni e che identificano un determinato luogo in maniera più immediata, è opportuno fare delle distinzioni. Una strada, un vicolo, una piazza, prendeva spesso il nome o da una persona che lo abitava, di solito gente ricca e influente, o da commercianti e artigiani che avevano lì le loro attività o le loro botteghe. Questo rendeva vivi i luoghi che diventavano scenario di tanti episodi di vita comuni: veri e propri nomi episodici. Altre volte, invece, il nome derivava da un particolare aspetto di una piazza o dal dettaglio di una via. Strettoie, alberi, statue, edicole, chiese, contribuivano nella scelta dei toponimi che si sedimentavano nella memoria collettiva in maniera pura e duratura divenendo nomi storicizzati della cultura popolare. Tutti

Leggi tutto »

“Cantar Viaggiando”, viaggio slow con le Ferrovie del Gargano verso il Carpino Folk Festival

Partenza da San Severo, toccare San Nicandro e Cagnano Varano e poi dritti su fino ad arrivare al Carpino Folk Festival dove lo sguardo spazia sul Lago di Varano e sulla lingua di terra che spacca l’azzurro in due, dividendo lo specchio lacustre da quello marino. Stessa cosa da Calenella lungo il blu della costa per tuffarsi a San Menaio e a Rodi garganico, toccare da lontano Ischitella e quindi immergersi nei ritmi delle tarantelle garganiche accompagnati dai suoni del tamburello, delle castagnole e delle chitarre battenti. Si chiama “Cantar Viaggiando – Un viaggio slow a bordo dei vagoni delle Ferrovie del Gargano” il nuovo progetto del Carpino Folk Festival in collaborazione con l’Assessorato alla Mobilità della Regione Puglia e le Ferrovie del Gargano per riscoprire tesori artistici e paesaggistici, storie e leggende custodite dalla memoria. L’idea è quella di stimolare l’utilizzo del servizio treno/bus navetta delle Ferrovie del Gargano per permettere al pubblico di spostarsi comodamente evitando la propria autovettura per raggiungere il festival della musica popolare e delle sue contaminazioni. Gli orari per arrivare al Carpino Folk Festival H2o con le FdG Da Peschici verso Carpino: 19,57 ->20,5023,05 ->23,42 Treno-Tram al solo costo di 1 euro (Partenza in

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.