Vai al contenuto

Quello che non colsi…carrellata di link 10 SPECIALE BIT MILANO

 Vendola alla BIT commenta sul Gargano ed il turismo  BIT: Agricoltura e turismo, ancora molto da fare in Puglia  Nicastro alla BIT ribadisce NO AL PETROLIO Incentivi al settore turistico Pugliese Nicastro alla BIT per rappresentare i 10000 manifestanti di Monopoli NO TRIVELLE La neve sciolta costringe ad aprire le paratie della diga di Occhito Quando Celentano rifiutò la laurea honoris causa da Foggia La lettera di risposta di Celentano Mura di Manfredonia ancora a rischio? La Porsche arriva in Puglia 700 gru in Capitanata

Leggi tutto »

L’Italia sotto la neve vista dallo spazio

Ecco qui una foto scattata circa una settimana fa dall’ESA, l’Agenzia Europea Spaziale Credit ph.ESA – Link all’immagine ad alta risoluzione Potrebbe interessarti anche la foto del Gargano scattata dallo spazio…..clicca anche qui

Leggi tutto »

Le antiche maschere del carnevale garganico

di Gabriele Tardio Ciannone Il Ciannone era la maschera di carnevale per antonomasia e nel linguaggio popolare spesso il carnevale era accomunato a Ciannone. Nel medioevo a San Marco in Lamis tutte le maschere di carnevale vengono chiamate Ciannone, come si evince negli statuta et decreta Universitas Sancti Marci in Lamis approvati nell’Anno Domini 1490, indictione VIII, die XXXI iulii. Lo Statuto recita: Ancora fu proveduto statuito et ordinato nei dì di Carnevale non si possa ire co faccia coverta e facire schiamazzi, pena doppia et sieno tenuti el vicaro et li priori a galera detti Ciannoni. Anche in alcuni detti popolari sammarchesi si ricorda questa figura carnevalesca “jènne arrevate lu munne mmane a Ciannòne”. Il Ciannone è ricordato anche in altre località. La maschera grottesca di Ciannòne vestiva pelli di capra nera a volte avevano la testa ricoperta da una grossa zucca, oppure il personaggio era ricurvo sotto il pelliccione di capra, il volto sporco di carbone o fuliggine, e i baffi folti; probabilmente rappresentavano la dura vita degli uomini dei boschi; faceva gesti e urla selvagge, in mano portava un bastone con nastrini colorati e dei sonagli. I Ciannoni dopo la satira del Carnevale Morto facevano il Ballo dei Ciannoni. Il “Ballo dei Ciannoni” era una vera e propria danza, quasi magico-rituale, inscenata dai Ciannoni che seguivano la compagnia del Carnevale Morto, durante la danza urlavano e facevano scene selvagge forse in modo da rappresentare l’aspetto selvaggio di chi per mesi non rientrava in paese ma viveva sempre nei “boschi”. Zi  Nicola o Cola lu sbre lléffe La maschera di Zi  Nicola o Cola lu sbre lléffe aveva in testa il tricorno, il cappello a tre punte, gallonato da un nastro nero con fiocchetti a ciascuna delle punte, su una parrucca di stoppa; portava l’occhialino o gli occhiali

Leggi tutto »

Quello che non colsi…carrellata di link 9

Anselm Kiefer ed il centro storico di Vico del Gargano a proposito visita anche questo link  I due vescovi di San Marco in Lamis (ultima ricerca di Gabriele Tardio) Progetto Museo dell’agricoltura tradizionale a Vico del Gargano Francobollo delle fracchie di San Marco in Lamis Il Google….garganico Aree boschive, riconosciuta la funzione produttiva…ma attenzione Quello che non colsi 8 Lesina e Trinitapoli tra i depuratori oltre la soglia

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.