Vai al contenuto

Le vicende sismiche di Lesina e la leggenda di Matilde di Canossa

Quando storia, leggenda e scienza si uniscono i risultati sono sempre particolari.Ecco che quindi il racconto della vendetta di Matilde di Canossa, in pellegrinaggio verso la grotta di San Michele di Monte Sant’Angelo, si intreccia con un maremoto che devastò Lesina intorno al 1000. Leggi tutto qui     Leggi anche LA MAPPA DEI MAREMOTI STORICI NEL MAR MEDITERRANEO: C’È ANCHE IL GARGANO

Leggi tutto »

Il complesso monumentale di Santa Maria Maggiore, San Pietro e San Giovanni Battista a Monte Sant’Angelo

Due testi (scaricabili gratuitamente) per chi volesse saperne di più sul complesso monumentale (complesso davvero…) di San Pietro/San Giovanni/Santa Maria a Monte Sant’Angelo. Letture immancabili per chi è appassionato allo stile romanico pugliese e alla storia del Gargano/Puglia. La chiesa di Santa Maria Maggiore a Monte Sant’Angelo, di Giuliana Massimo Monte Sant’Angelo. Il complesso monumentale di San Pietro, di Santa Maria Maggiore e del battistero di San Giovanni, di M. Calo’ Mariani  gocasteldelmonte.it

Leggi tutto »

Torna Colto e mangiato, quinta edizione per il laboratorio enogastronomico attento al ciclo del cibo

Torna Colto e mangiato, quinta edizione per il laboratorio enogastronomico che coniuga l’importanza del gusto all’attenzione del ciclo produttivo Lo chef Massimo Andrea Di Maggio e l’art director Toni Augello presentano un’edizione ricca di ospiti e nuove ricette “Colto e mangiato” torna a proporre a suo modo il tema della sana alimentazione, puntando l’attenzione sul cibo prodotto nel rispetto della stagionalità e all’insegna del bio e della filiera corta. L’iniziativa avrà luogo presso l’agriturismo Tenuta Chianchito e porta la firma dei Laboratori Urbani Artefacendo di San Giovanni Rotondo. Attraverso il diretto coinvolgimento dei partecipanti ai fornelli, il team di Colto e mangiato evidenzierà le proprietà alimentari dei prodotti dell’orto e la loro attitudine ad esser trasformati in una ricca varietà di piatti genuini e gustosi. In programma sei incontri serali con tanti ospiti e nuove ricette. Primo appuntamento martedì 6 dicembre, ore 20,00. “Nutrirsi è un bisogno fisiologico che cela tanti significati e processi. Vogliamo riscoprirli mettendo le mani in pasta, tornando a dare rilievo ad uno dei gesti più importanti della vita quotidiana ”, dice lo Chef di Colto e mangiato Massimo Andrea Di Maggio, fautore del laboratorio insieme all’art director Toni Augello. “Anche quest’anno i protagonisti del laboratorio saranno ortaggi, verdure e legumi. Alimenti che vengono coltivati nel nostro territorio e che ogni giorno partono in quantità sempre maggiori per i mercati del Nord Europa, dove sono molto apprezzati per gli effetti benefici sulla salute”, spiega Antonio Pazienza, l’agronomo del team, che accompagna  il lavoro dei partecipanti con osservazioni sui cicli di vita dei prodotti e sulle loro caratteristiche.  “Ogni volta che cucino, ho bisogno di conoscere la storia di un alimento, sapere da dove proviene, quali mani lo hanno coltivato. È un passaggio importante. Fondamentale, direi. Per realizzare un buon piatto, prima di ogni altra cosa, dobbiamo

Leggi tutto »

Disboscamento selvaggio nella dolina Pozzatina, tra le più grandi d’Europa

Fonte: sannicandro.org La segnalazione arrivata giorni fa in redazione, taglio già rilevato dalla Forestale. Ma tutto tace Una consistente fetta del versante sudorientale della Dolina di Pozzatina, uno dei più grandi e meravigliosi spettacoli carsici d’Europa, in territorio di San Nicandro Garganico e Apricena, è stata oggetto di un taglio di alberi indiscriminato e senza precedenti a memoria d’uomo. L’allarme lo hanno lanciato alla nostra redazione alcuni escursionisti e appassionati delle lande garganiche.  Già nella scorsa primavera, a quanto si apprende, la zona oggetto del disboscamento, interamente proprietà privata, era stata segnalata al Corpo Forestale, che dopo attente indagini ha inviato tutto agli organi competenti. Nell’occasione, sarebbero state rilevate delle irregolarità amministrative, opportunamente sanzionate a danno di proprietari ed esecutori. Eventuali responsabilità penali, invece, sarebbero tuttora al vaglio dell’Autorità giudiziaria. Resta, tuttavia, il danno: oltre alla consistente ferita ambientale, in termini di specie arboree sottratte e dal punto di vista paesaggistico, sono in molti a temere che il rischio idrogeologico della zona possa aumentare notevolmente, non escludendo frane e smottamenti verso il fondo del cratere naturale in caso di piogge torrenziali. Ma la faccenda sembra più complicata di quanto si creda: l’area, di alcuni ettari ricompresi in zona 2 del Parco Nazionale del Gargano, sarebbe classificata come bosco ceduo, nonostante il taglio abbia saltato alcuni cicli. Di qui l’autorizzazione dell’Ufficio Foreste della Regione Puglia che, secondo quanto accertato, sarebbe del tutto regolare.   Il punto, tuttavia, è ben altro: come può un sito come la Dolina di Pozzatina essere inserito, per buona parte, soltanto in zona 2 del Parco del Gargano? E perché gli uffici regionali competenti rilasciano autorizzazioni che sembrano date sulla carta, senza valutare le caratteristiche peculiari del territorio? Tra l’altro, sembra che al Parco Nazionale del Gargano manchi un piano che classifichi i boschi cedui, ponendo deroghe chiare

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.