Le condizioni igieniche della Capitanata di una volta

Il “cantero”, lu “cantr” a cura di Domenico Tota articolo già pubblicato su La Gazzetta di San Severo, 19/05/2001 Le condizioni igieniche di San Severo e di molti Comuni del meridione, nei primi decenni del secolo scorso, lasciavano molto a desiderare. Non si scandalizzino i giovani per le notizie che apprenderanno, né quelli della mia età perché riferirò certe circostanze. Ci rideremo sopra e ci rallegreremo per il progresso fatto. L’esigenza primaria per la crescita fisiologica dell’uomo è la nutrizione sotto più forme e, di conseguenza, la…defecazione comune a tutti gli esseri viventi. Oggi in ogni casa c’è quello che prima si chiamava “gabinetto” ed ora si chiama “bagno” con acqua corrente, sanitari in ceramica, doccia, vasca ed ogni altro comfort. Una volta non era così. Nelle case abbienti c’erano i pozzi neri che venivano svuotati ma, nella maggior parte delle case formate da un solo ambiente e con una sola apertura verso l’esterno, la porta d’ingresso, vivevano famiglie numerose insieme al cavallo o all’asino, alle galline ed al maiale. In un angolo del monolocale c’era un pannetto di stoffa colorata dietro al quale era sistemato “u cumbrise”, sorta di vaso per lo più di terracotta smaltata, alto una sessantina di centimetri e con un’apertura del diametro di circa 40 cm. Ed il bordo, a forma circolare dello spessore di circa 5 cm, ai lati aveva due manici. In questo vaso i componenti della famiglia facevano i propri bisogni corporali. Per pulirsi non usavano la carta igienica a doppio o triplo velo o la carta di giornale che fu usata in seguito, ma si servivano di uno strofinaccio appeso ad un chiodo sul quale gli appartenenti del nucleo familiare apponevano la propria…”virgola”. E quando lo strofinaccio si riempiva…“virgole”, non veniva buttato ma lavato con l’ultima acqua della “luscia”, cioè del

Leggi tutto »

Trekking di Pasqua nel Parco Nazionale del Gargano

La  proposta  è  adatta  a tutti,  anche  a  coloro che sono poco allenati, una esperienza di cammino  di  più  giorni,  modulare  in  quanto avremo un mezzo al seguito  che,  oltre  fare il  trasporto del  bagaglio pesante,  potrà  fa-cilitare  coloro  che  so-no  alla  prima  esperienza. Il Gargano, divenuto Parco nel  1995,  racchiude  in  se  meravigliosi  tesori  paesaggistici e storici,  in questo viaggio attraverseremo tre cittadine “simbolo” come San Giovanni Rotondo, Monte Sant’Angelo  e  Vieste, inoltre potremmo ammirare la Foresta Umbra un esempio vivente di “monumento alla natura”. Altre info qui

Leggi tutto »

Conosciamo i vini di Puglia con l’ebook di vinook.it

La Puglia è una regione italiana caratterizzata da grandi tradizioni culinarie ed enogastronomiche. Per quanto riguarda il vino la Puglia può vantare una varietà di produzione che non ha nulla da invidiare a regioni più blasonate, riuscendo a proporre tantissime tipologie di vino diverso ed altrettante cantine di qualità che antepongono la buona riuscita del prodotto finale alla logica dei grandi numeri. Vini come l’Aleatico, il Castel del Monte, il Copertino, il Primitivo di Manduria ed il Rosso Barletta sono vini apprezzati in tutta Italia ma non sono solo questi i vini tipici di questa splendida regione. In questo ebook vinook.it vi propone un’intrigante viaggio alla scoperta delle cantine di Puglia, passando in rassegna tutti i vini che vengono prodotti in questa regione e consigliando per ogni vino una serie di cantine di qualità recensite per voi. si parla di : Aleatico di Puglia Brindisi Castel del Monte Cacc e Mmitte Copertino Galatina Gioia del Colle Leverano Nardò Ostuni Primitivo di Manduria Rosso Barletta San Severo Rosso Canosa Rosso di Cerignola Squinzano Lizzano Salice Salentino Scarica l’ebook  da vinook.it

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.