Vai al contenuto

Progetto di indagine archeologica presso la valle dei Dolmen (Monte SantAngelo)

Abbiamo già trattato dei presunti dolmen nella Valle Spadella di Monte Sant’Angelo. E stato presentato un progetto per accertare scientificamente la valenza del sito. Considerate le alte potenzialità archeologiche che caratterizzano il versante pedemontano del Promontorio del Gargano, a cui si scontra una quasi totale disinformazione ed uno stato a volte precario delle evidenze archeologiche stesse, viene sottoposto alla vostra attenzione un progetto di ricerca che si pone come obiettivo prioritario la valorizzazione culturale del territorio. Il progetto, svolto attraverso la collaborazione dell’Università di Roma Sapienza e della Soprintendenza Archeologica della Puglia sarà finalizzato all’indagine, documentazione e valorizzazione dei monumenti megalitici presenti nel territorio di Monte Sant’Angelo. le ricerche effettuate dall’Architetto Renzulli Raffaele e, in modo preliminare, da una equipe di specialisti della Sapienza, mostrano un’alta concentrazione di strutture megalitiche in quest’area, spesso a ridosso del centro abitato di Monte S.Angelo. Scarica i documenti:Scarica progetto presentato I riti del Sole I dischi del Sole

Leggi tutto »

VIDEO: Pinuccio con Striscia la Notizia in visita all’Abbazia di Kàlena

Prorompente Kàlena torna sotto i riflettori a pochi giorni dalla divulgazione della scoperta di antichi affreschi in uno degli ambienti del complesso. Lo fa a Striscia la Notizia con il comico barese Pinuccio che torna dopo qualche anno (la prima volta qualche anno fa insieme a Pino Romondia e Amara terra mia per l’iniziativa #OroTraLeMani) Pinuccio è andato a Calena (Foggia) per occuparsi di un immobile storico trasformato in garage VEDI TUTTO IL VIDEO Nel servizio anche alcune riprese del Team ARGOD a cura del dott. Andrea Grana. Leggi anche: L’ultima scoperta a Kàlena

Leggi tutto »

ISOLA DI VARANO. Documentario d’epoca sul Lago di Varano (di Carlo di Carlo e Roberto Roversi)

di Domenico Sergio Antonacci Le scoperte più belle sono quelle casuali e così, dopo Giorni sul Varano viene fuori un altro documentario d’annata sul Lago di Varano. Il titolo dice tanto, “collaborazione artistica di Roberto Roversi”, così parte la ricerca tra gli appunti per ritrovare il filo. Il Gargano mi piace. È così silenzioso o, meglio, è così solitario. Non una terra abbandonata ma una terra ancora da scoprire. Strade sempre in curva sfiorano pendii pieni di olivi contorti scuri e risucchiati come le mani dello zio Rigo; e il verde scuro, quel verde scuro, ha una solennità da poema greco, intimorisce. Questo ciò che scrive Roberto Roversi in Gargano Sessantuno, scritto ancora introvabile per me purtroppo. Poeta, partigiano, scrittore di testi per Lucio Dalla, Stadio, collega di Pasolini…uno di quegli uomini che vanno via lasciando qualcosa, scrive ancora sul Gargano: Siamo spesso al lago di Varano e al lago di Lesina. Fra i canneti della riva, al primo approccio, mi a colpito un canotto ormeggiato, in completa solitudine, ma fresco di vernice e con una solidissima gomena, che aveva a prua, tutta dipinta di rosso, una mitragliatrice ruotante della prima guerra mondiale, per la caccia delle anatre.Dicono: ne cadono a decine per volta. In una battuta anche due trecento. Un macello. Sul bordo del lago i pescatori vivono all’estate in capanne immerse fra i canneti, come in un paesaggio africano perso nel sogno. Tanto che si potrebbe immaginare che si muovano intorno, attenti ma tranquilli, i leoni. Così vicino al mare! I pescatori, allineati sulle chiuse, afferrano i cefali con le mani. Ieri sera hanno acceso un fuoco preparandoli per noi. Ciò che mi colpisce è la straordinaria compostezza del loro comportamento. Niente di volgare o di approssimato, con l’abitudine al rispetto di regole antiche che sono ormai, così mi sembra, educazione del sangue. Hanno capanne con interni poveri, essenziali, ma fra

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.