Ditelo al Ministro che….

Ditelo al Ministro Stefania Prestigiacomo che l’Unesco ha conferito a Monte S. Angelo il prestigioso riconoscimento di Patrimonio mondiale dell’umanità e che le popolazioni della montagna dell’Arcangelo Michele, difensore spada in mano del bene contro il male, sono più che mai motivate e decise a conservare questo premiatissimo patrimonio culturale e naturale e a trasmetterlo intatto alle future generazioni. Poiché il Ministero dell’Ambiente, che dovrebbe tutelare il mare Adriatico, continua a rilasciare autorizzazioni per le ricerche di idrocarburi, nonostante si sia costituita la Rete nazionale delle associazioni per la difesa e la valorizzazione del mare Adriatico e del mar Ionio. Autorizzazioni che ci parlano, ancora una volta, di istituzioni forti con i deboli interessi pubblici e deboli con i forti interessi privati. Istituzioni spesso infiltrate da una rete indefinita di potentati oligarchici, nuovi e vecchi, organizzata e gestita in maniera tale da rinviare sine die la “questione morale” che, non risolta, rischia di consegnare la storia dei nostri luoghi, delle nostre città, delle nostre vite ad un futuro sempre più incerto e precario.  Ditelo al Ministro che la resistenza umana e intellettuale delle minoranze che cercano, chiedono e rivendicano la soluzione delle problematiche che riguardano il “bene comune” si allargherà, se le istituzioni non selezioneranno le parole giuste, affinché il cerchio tra parole e fatti sia partecipato al coinvolgimento attivo di cittadini e associazioni. Cittadini e associazioni che non rinunceranno ad incamminarsi verso nuove prospettive di sviluppo sostenibile, equo, solidale, affinché la storia e le radici dei luoghi della nostra anima siano protette e custodite. Cittadini e associazioni che continueranno a difendere l’ambiente costiero, sostenendo battaglie comuni contro la cementificazione, le ricerche petrolifere, gli impianti eolici off-shore, le discariche a mare che uccidono la pesca e minacciano la salute pubblica. Non si dimentichi la storia, non si neghino le tradizioni,

Leggi tutto »

FOTO: Elicotteri militari in volo per il Gargano

Elicotteri militari da diversi giorni sorvolano il Gargano in cerca di un componente della famiglia Libergolis scomparso una decina di giorni fa (stamattina la sua auto è stata ritrovata intatta in un bosco di Vieste). Ecco alcune foto del passaggio dei mezzi militari su Carpino con arrivo dal bosco Quarto, dove c’è stato un sorvolo di dieci minuti concentrato sulle zone più impervie (sulle “coste”): Sinceramente troviamo l’operazione esagerata, più dagli scopi mediatici e propagandistici che con veri scopi militari…perchè? Ecco la risposta…insomma, si sta cercando di lanciare un messaggio alle popolazioni garganiche…”adesso lo stato c’è ed opera per la vostra sicurezza”

Leggi tutto »

Si è conclusa la campagna di scavi archeologici a Pulsano

ildiariomontanaro.it Si è chiusa qualche settimana fa una nuova campagna scavi che ha interessato l’area dell’Abbazia di Santa Maria di Pulsano, di grande importanza dal punto di vista architettonico e archeologico. Ildiariomontanaro.it, in esclusiva, ha intervistato la presidente dell’Associazione LRGJ che si è occupata degli scavi. Durante la campagna di scavi svoltasi nel mese di maggio è stata studiata una seconda area di scavi di circa cento metri quadri posta all’estremità est della chiesa. “L’area si è presentata molto complessa sotto il profilo delle interpretazioni archeologiche: sono stati rilevati ed asportati due crolli a seguito dei terremoti; è emerso, inoltre, il restringimento della grande area per un secondo utilizzo presumibilmente durante il possesso dei monaci celestini, vale a dire intorno alla metà del ‘400.” – ha dichiarato, in esclusiva a ildiariomontanaro.it l’Associazione Culturale LRGJ, che si è occupata degli scavi – “Di particolare attenzione ed interpretazione sono gli ambienti emersi sotto i crolli che contengono elementi di grande pregio architettonico. ” Per ulteriori approfondimenti bisognerà attendere che venga terminata la fase di studio e di redazione delle relazioni. Continua qui Un altro articolo:Nel corso delle operazioni di scavo effettuate nel mese di maggio 2011 è stato indagato un secondo sito di cento metri quadri posto all’estremità orientale della chiesa di Pulsano. Sotto l’aspetto archeologico, l’area si è rivelata molto complessa: infatti, sono stati individuati e rimossi due crolli causati da terremoti ed è emerso anche il restringimento della vasta zona per un secondo impiego, probabilmente durante la frequentazione da parte dei monaci celestini, cioè attorno alla metà del XV secolo. Particolarmente interessanti sono le stanze emerse sotto i crolli che mostrano elementi di grande pregio architettonico. I nuovi lavori di scavo erano stati presentati sabato 14 maggio 2011 da Francesco Paolo Maulucci (direttore della Soprintendenza Archeologica della Puglia), da Padre

Leggi tutto »

Massimo Troisi e Pino Daniele per il capriolo del Gargano

   Altre info a riguardo Stavamo, Pino ed io, in un ristorante sul Gargano. Ci hanno portato una cosa da mangiare. Ma che è? dico io, è proprio buono, è fatto proprio bene… Quasi quasi torniamo a mangiarlo anche domani. Non si può, risponde il proprietario, non ce n’ è più, è un animale in via d’ estinzione. Così abbiamo saputo del capriolo del Gargano”. In questa intervista si può notare un Massimo Troisi attivo ed in prima linea per la salvaguardia del Capriolo del Gargano.   

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.