I Equidaruno Regionale nel Parco Nazionale del Gargano

Si terrà nel Parco Nazionale del Gargano tra i comuni di Manfredonia e Monte Sant’Angelo il I Equiraduno Regionale Fitetrec-Ante. Già dal mattino di venerdì 24 giugno il Punto Sosta fitetrec-Ante Posta Ruggiano sarà pronto ad accogliere e sistemare cavalli e cavalieri. Per le ore 14.00 dello stesso giorno è prevista la partenza per l’Abazia di Pulsano; rientro e sistemazione cavalli e cavalieri. Il sabato mattina si partirà per lo splendido trekking tra i boschi e tratturi del Parco Nazionale del Gargano con rientro in serata per la cena e per divertirsi tutti assieme con i balli e l’animazione del dopo cena. Domenica 26 è previsto un trekking lungo la via “Sacra Longobardorum” per Monte Sant’Angelo. E’ prevista una breve sosta per il ristoro di cavalli e cavalieri. Rientro a Posta Ruggiano, sistemazione dei cavalli e pranzo presso Casa Natura, dove la cucina tipica del Gargano trova la sua degna collocazione, immersa nello splendido scenario del Parco Nazionale. Per maggiori info, costi e prenotazioni contattare entro il 10 giugno Michele Prencipe ai numeri: 0884.530400 oppure 347.5714422 Iscrizione raduno Altre info

Leggi tutto »

Ritrovamento di grandi ossa fossili in una grotta del Gargano, forse un dinosauro

La foto è indicativa Il Gruppo Speleologico Montenero, di San Marco in Lamis, ha trovato ossa di considerevoli dimensioni che fuoriescono dalla parete rocciosa di una grotta del Gargano (il luogo non è stato reso noto per ovvie ragioni). Le ossa potrebbero appartenere ad un grande mammifero oppure ad un rettile (dinosauri), ma per avere certezza si aspetta il parere dei paleontologi chiamati per un’ispezione. Seguiranno aggiornamenti, continuate a seguirci!

Leggi tutto »

4 VOLTE SI AL REFERENDUM !!!

IMPORTANTE! COME VUOTARE FUORI SEDE! PORTA A VOTARE UNA NONNA! ATTENZIONE! Le schede dei referendum non vanno sovrapposte, hanno la caratteristica della carta carbone. SE VENGONO MESSE UNA SOPRA L’ALTRA SI CORRE IL RISCHIO DI ANNULLARLE TUTTE MENTRE SI VOTA LA PRIMA.Spargete la voce! COME SI VOTA. Gli elettori devono presentarsi, con un documento d’identità valido e la tessera elettorale, presso la sezione elettorale indicata sulla tessera stessa. Il voto deve essere espresso con una X sull’opzione scelta in ciascuna delle quattro schede, una per ogni quesito. Come tutti i referendum abrogativi, bisogna votare Sì se si vogliono cancellare le norme al centro dei quesiti. Con la vittoria del No, le norme rimarrebbero vigenti. I QUATTRO QUESITI: PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA (SCHEDA ROSSA) Il titolo completo del quesito è “Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica” e si riferisce all’abrogazione dell’art. 23 bis della Legge n. 133/2008. Sono le norme che permettono l’affidamento dei servizi idrici ai privati. Votando Sì, si vota contro la privatizzaione dell’acqua . Votando No, si lascia intatta la possibilità di affidare i servizi idrici ai privati. PROFITTI SULL’ACQUA (SCHEDA GIALLA) Il secondo quesito propone l’abrogazione di una parte dell’art.154 del Decreto Legislativo

Leggi tutto »

Un canadair è rimasto bloccato in mare a largo di Mattinata

E’ stata una giornata impegnativa per alcuni canadeir impegnati nello spegnimento del primo incendio sul Gargano della stagione calda, precisamente nel comune di Mattinata. Purtroppo, però, non tutto è andato per il verso giusto: nel tardo pomeriggio, infatti, una manovra sbagliata durante un carico d’acqua ha fatto impigliare un mezzo aereo in mare. Illesi i due piloti soccorsi dal sig. Silvestri Francesco del servizio locale noleggio gommoni. Ringraziamo Paolo Latino per la concessione della foto, Giampietro Piemontese e Angelo Pio Santamaria per i costanti aggiornamenti della situazione su facebook AGGIORNAMENTO h22.45: apprendiamo da facebook, tramite Paolo latino, che il canadeir era in fase di riempimento acqua ed ha virato per evitare un ostacolo perdendo un pezzo sul lato destro dell’ala Giampietro Piemontese scrive che il rimorchiatore è arrivato alle 21.30, l’ operazione di recupero probabilmente durerà alcune ore se non tutta la notte. AGGIORNAMENTO h13.00 nei commenti di questo post c’è chi parla di strage evitata, l’ostacolo causa della errata manovra sarebbe stato il braccio portuale di Mattinata. Altre foto di Paolo Latino dopo il “continua..”  Foto del traino qui

Leggi tutto »

In arrivo una task-force per le emergenze di cetacei spiaggiati

La mole scura dei capodogli sussulta dal dolore mentre gli organi interni collassano sotto il peso enorme. Tutt’attorno capannelli di curiosi che vociano, fotografano, col telefonino si fanno ritrarre vicino alla vita selvaggia, che muore. A pochi giorni dal Natale 2009, quando si spiaggiarono sul Gargano i sette capodogli, anche questo è capitato. «Ma non succederà più – dice il patologo Sandro Mazzariol – perché è stata creata una task-force di intervento nazionale che ora sta ultimando la fase di approntamento». Mazzariol è il ricercatore dell’Università di Padova che fu tra i primi ad accorrere nella caletta pugliese di Foce Varano. Il nostro Paese non era pronto per quell’emergenza. Non si riuscì a trovare il necessario per tentare di riportare i cetacei in mare aperto. Rimasti intrappolati sulla battigia, gli animali patirono per alcuni giorni prima di spirare. E fu impossibile alleviare le loro pene o sottoporli ad eutanasia perché in Italia nessuno aveva il farmaco giusto. In quell’occasione, il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo promise alla «Gazzetta» (era il 13 dicembre 2009) che sarebbero stati presi provvedimenti preventivi. Ebbene, secondo Mazzariol, quella promessa era fondata. «Siamo in dirittura d’arrivo – afferma – per stilare le linee guida a livello interministeriale

Leggi tutto »

Un fulmine danneggia il castello di Monte Sant’Angelo

Il temporale di venerdì scorso ha causato non pochi danni al Castello di Monte Sant’Angelo. Un fulmine ha completamente disintegrato la torretta dell’Istituto geografico militare posto sulla “torre dei giganti”. Fuori uso anche le prese elettriche. Bruciato un computer ed un monitor. “Saranno state all’incirca le 14.00 quando il fulmine ha colpito la torretta dell’Igm (Istituto geografico militare) utile per il rilevamento delle scosse sismiche, posto sulla “torre dei giganti” del Castello e l’ha completamente disintegrata.” – racconta a ildiariomontanaro.it Giuseppe Palumbo, presidente della Cooperativa Ecogargano che gestisce il Castello di Monte Sant’Angelo, e continua – “Ma non solo. Ci sono stati anche altri danni. Si è sollevato anche il pavimento in un paio di punti, fuori uso alcune torrette di prese elettriche, bruciato un computer ed un monitor.” La torretta dell’Igm era alta circa 1 metro e mezzo ed è stata colpita in pieno dal fulmine che l’ha disintegrata. Palumbo ci dice che “Le pietre della torretta, in cemento armato, sono arrivate al limite del fossato.” Il Castello è rimasto chiuso solo nel pomeriggio di venerdì “perché siamo intervenuti subito sull’impianto” – conclude Palumbo. Fonte:Ildiariomontanaro

Leggi tutto »

Varano, il lago delle meduse gentili…con cui fare il bagno

Accarezzando le Aurelia Aurelia a Varano Foto di Roberto Rinaldi, fonte Oggi vi racconto un curioso episodio che mi è capitato qualche giorno fa: guardando un documentario della National Geographic (link al video su youtube) rimasi colpito dal lago di un’isola del Pacifico che contiene al suo interno milioni di meduse che vivono di sola luce solare grazie ad una profonda simbiosi con delle alghe; alla fine del documentario decisi di cercare più informazioni su questo lago, famoso, tra l’altro, perchè è possibile nuotare tra queste meduse senza esser pizzicati (non hanno veleno). La mia ricerca su Google fu: “isola pacifico lago meduse”….ecco il link alla ricerca Primo risultato…..Varano Il lago delle meduse gentili – Mondo sommerso – Puglia….è il destino! ecco l’articolo che riporto dalla fonte originale: Lesina e Varano, due laghi vicini, lungo la costa nord del Promontorio del Gargano. Vicini ma diversi. A Varano, da dieci anni, è costantemente presente una densa popolazione di meduse che, a Lesina, non c’è. A seconda delle correnti, le meduse sono portate in varie parti del lago e i pescatori, ormai, sanno come evitarle. Prima ostruivano le loro reti e rendevano la pesca difficile, ora pescatori e meduse convivono in pace. 

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.