Tarantelle avvelenate…salviamo le tarantelle del sud!

Tarantelle avvelenate è il blog – sinceramente irriverente e appassionatamente velenoso – che recensisce -in maniera ironica- spettacoli di danza popolare scelti arbitrariamente tra le vostre prodigiose segnalazioni su quello che meno vi piace. Il  tentativo è di offrire uno spazio dove parlare chiaro, prendersi poco sul serio e mettere tutto un pò in discussione. Siccome non è mica cosa da poco, le segnalazioni sono rigorosissimamente anonime. I protagonisti sono tanti in una faccenda complessa chiamata in maniera generalista “la musica popolare – la taranta – le tamburriate” volendo indicare invece il movimento artistico legato alle culture popolari del sud, che ha una sua propria storia di mille sfumature. Se vuoi scoprirne di più sul movimento artistico degli ultimi trent’anni puoi usare google, youtube, i concerti, i libri, i corsi di danza e i cd….Questo è un blog, rappresenta l’opinione di chi lo scrive e di chi lo legge: non è Wikipedia. La  nostra  cattiveria, l’ironia e il  gusto estetico sono gli unici parametri scientifici con i quali vengono scritti gli articoli di #tarantelle avvelenate, in nome del diritto di satira riconosciuto dall’art. 33 Cost., che ne sancisce la libertà, essendo lo stesso una forma d’arte . …se avete il

Leggi tutto »

VIDEO – Sereno variabile ad Ascoli Satriano, 2 novembre 2013

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’)); post di Il blog del Gargano, Amara terra mia.

Leggi tutto »

Azioni e tradizioni: La calza dei morti in Capitanata

di Pino Donatacci Chissà quante volte ci siamo chiesti perché la calza dei morti a Foggia si regala a Novembre in occasione della festa della commemorazione dei defunti, mentre in quasi tutto il resto d’Italia si regala il giorno dell’Epifania. Il motivo è questo: l’arco di tempo che trascorre tra la notte di ognissanti e quello della befana è considerato come un tempo in cui i morti ci vengono a far visita. Il primo Novembre entrano nel mondo dei vivi e il giorno dell’Epifania ritornano nel regno dei morti. Questo periodo corrisponde alla lunghezza dell’autunno durante il quale la natura si prepara a morire. Gli antichi erano grandi osservatori dei fenomeni naturali e ritenevano che quello che avveniva alla natura, succedeva anche all’uomo. Come dare loro torto se consideriamo che l’uomo è un elemento della natura? Per cui le foglie che cadono, i colori scuri che si sovrappongono ai colori caldi estivi, l’autunno che succede all’estate erano per gli antichi tutti presagi di morte.In questo contesto e per mezzo del pensiero simpatico, l’uomo antico credeva che questo fosse il tempo dei morti e che, anzi, i morti sarebbero ritornati a trovare i vivi per giustificare la ciclicità delle stagioni. Intorno

Leggi tutto »

La camorra e le discariche di rifiuti tossici in Puglia

L’allarme sulla presenza di rifiuti tossici in Puglia è contenuto nella deposizione che Schiavone fece, il 7 ottobre del 1997, davanti alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti. Le sue parole sono rimaste segrete fino a ieri; fino a quando, cioè, l’ufficio di presidenza della Camera non ne ha disposto la desecretazione.  «Sulla Puglia cosa sa?». E Schiavone, cugino del famigerato Francesco Schiavone detto “Sandokan”, parla a ruota libera: «Anche sulla Puglia parlavamo; c’erano discariche nelle quali si scaricavano sostanze che venivano da fuori, in base ai discorsi che facevamo negli anni fino al 1990-1991». I componenti della Commissione gli chiedono di essere più preciso. E Schiavone spiega che queste discariche erano «nel Salento, ma sentivo parlare anche delle province di Bari e Foggia». Ma l’ex boss non ricorda in maniera più precisa. Non sa o non vuole dirlo. E si giustifica: «Era un discorso “accademico” interno che facevamo, dicendo: mica siamo solo noi, lo fanno tutti quanti». Cosa arrivasse di preciso qui, è difficile dirlo. Di certo, il traffico riguardava in generale di «sostanze tossiche, fanghi industriali, rifiuti di lavorazione, rifiuti radioattivi». Veleni interrati per venti o trenta metri di profondità, vicino alle falde acquifere. L’affare frutta al

Leggi tutto »

La Puglia tra le best travel destinations del 2014 per Lonely Planet

If you’ve ever rubbed shoulders with billionaires on the Amalfi Coast or spent the weekend in Venice, you’ll know that Italy can drain travel budgets. This year, look south. Italy’s heel has arguably the best beaches in the country, hilltop towns and ancient sights. But what makes Puglia, Basilicata and Calabria such good value is not just the financial side of being in this part of the country. It’s the fabulous food – cucina povera (poor man’s food), simple, tasty and cheap – and the relaxed pace of life even in peak season, coupled with good-value accommodation for all budgets. Continua la lettura qui

Leggi tutto »

Halloween, “cosa c’entra”? Un poco (poco) c’entra (cocce priatorije)

La cocce priatorje di Orsara di Puglia;  clicca qui per la fonte della foto Come ogni anno su Facebook e nei blog parte la solita polemica contro Halloween e la standardizzazione che ha portato annullando, di fatto, le feste locali. Per carità, sono dello stesso pensiero…ma ciò che non capisco è come mai ci si agita tanto per halloween mentre siamo circondati 365 giorni all’anno da oggetti, costumi, parole etc etc importati dagli USA. Tu chiamala coerenza se vuoi… Continua qui

Leggi tutto »

ATTENZIONE! Questo blog si è trasferito da Blosgpot a WordPress in data 16/01/2020.
Se dovessi riscontrare immagini mancanti, post incompleti o altri problemi causati dalla procedura di trasferimento, sei pregato di segnalarlo a info@amaraterramia.it, te ne sarò grato.